Condividi

Quanti bambini, nella nostra società, sarebbero in grado di “barattare” tutti i loro giochi, pur di non andare a scuola? Molti. Preferirebbero, infatti, rimanere a casa e svegliarsi tardi, piuttosto che passare ore ed ore tra i banchi.

Eppure, non tutti i ragazzini la pensano allo stesso modo. È il caso di Matteo Baño, uno studente filippino di 9 anni, che frequenta la quinta elementare e che si è reso protagonista di una storia davvero toccante.

Il bimbo fa di tutto pur di non saltare la scuola

Matteo è uno dei tre figli di una famiglia molto povera. Da poco tempo, inoltre, la situazione si è aggravata a causa della perdita della mamma. Il papà, invece, lavora come carpentiere in un’altra città ed è costretto a lasciare i bambini da soli.

Per questo motivo, il ragazzino di 9 anni dovrebbe stare a casa per badare al fratellino più piccolo. Tuttavia, il bambino ama così tanto andare a scuola, che non si vuole perdere nemmeno un giorno di lezione. Così, ha deciso di portare con sé il fratellino, ogni giorno, in modo da poter seguire gli insegnamenti. Quando, però, i tre rientrano a casa, ciò che li attende consiste in tanta povertà e una casa quasi del tutto distrutta.

Saltare la Scuola 3

La commozione del web

L’insegnante di Matteo, la signorina Shyla Mie Brillantes Blasico, dopo essere venuta a conoscenza della terribile situazione in cui riversa la famiglia, ha fotografato quotidianamente l’alunno e il fratellino tra i banchi di scuola. Successivamente, ha diffuso le immagini tramite i suoi account dei social network, al fine di ottenere qualche aiuto.Saltare la Scuola 2

In poche ore, è arrivata una concreta risposta da parte del popolo del web. La commozione è stata tale che molti utenti hanno proposto, in primo luogo, di dare dei soldi alle insegnanti, per poter aiutare i tre bambini.

Saltare la Scuola

Le maestre, però, hanno consigliato di inviare donazioni e beni alimentare direttamente alla famiglia, la quale, nel giro di pochi giorni, ha subito un concreto miglioramento della propria situazione.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO