Condividi

“Genitori spazzaneve”: in questo modo gli inglesi chiamano i genitori che spianano la strada ai loro figli pensando che in tal modo possano evitare che un qualcosa, non andando secondo le proprie aspettative, possa andare a minacciare l’autostima.

 

genitori iperprotettivi

 

La direttrice del college femminile Saint Paul, a Londra, in una recente intervista al Times ha sottolineato come le capita giornalmente di imbattersi in padri e madri in preda di quella che ha definito un’ansia frenetica nel far sì che i loro figli possano essere sempre i primi rispetto ai loro compagni. La conseguenza? Bambini iperprotetti e talmente fragili emotivamente da non riuscire ad affrontare un fallimento.

 

Tale tipo di scenario è presente anche in Italia. Non di rado, infatti, presidi e insegnanti sono sottoposti a pressioni da parte di apprensivi genitori che non vorrebbero che i loro pargoli possano essere sottoposti ad una punizione. E non è un fatto che accade solo all’asilo, visto che episodi simili si verificano anche alle scuole dell’obbligo e alle superiori.

 

Ne è testimone, ad esempio, Daniela Scocciolini, che dopo 40 anni di insegnamento è diventata poi Preside del noto Liceo Pasteur della Capitale. Non usa mezzi termini nel definire tale pressione “patologica”. Si pensa di proteggere i giovanissimi dalle difficoltà e di spianare loro il cammino, mentre, invece, così facendo si ottiene un effetto deleterio: infatti, i loro figli diventano incapaci di affrontare le situazioni e rischiano di diventare adulti deboli rispecchiando l’insicurezza dei genitori i quali, nel loro comportamento, fanno ben capire che non sarebbero in grado di gestire una situazione che coinvolge i figli.

 

L’ex preside del Liceo milanese Berchet, Innocenzo Pessina, rimarca come troppo spesso tutte le colpe di un insuccesso scolastico siano addebitate a chi insegna, tanto che fioccano i ricorsi al Tribunale Amministrativo Regionale contro brutti voti e bocciature.

 

I genitori apprensivi non fanno che trasmettere fragilità ai figli, ha confermato il preside del Liceo Classico Giulio Cesare di Roma, Micaela Ricciardi.

 

Tuttavia una soluzione ci sarebbe: il dialogo aperto e franco. Non a caso lei cerca di spiegare alle madri e ai padri che la cosa migliore per i loro figli è quella sì di essere sempre dei punti di riferimento fondamentali nella loro vita, ma che devono consentire ai loro ragazzi di poter effettuare da soli le loro scelte; solo sbagliando potranno diventare degli adulti responsabili.

 

Purtroppo si deve sempre fare i conti con quella che è l’ansia frenetica, con l’irrefrenabile desiderio di vedere i propri figli primeggiare sugli altri, costi quel che costi. Trasmettono l’insano concetto che “chi sbaglia è un fallito” e respingono lo spirito positivo del popolare detto “sbagliando s’impara”. La psicoterapeutica Silvia Vegetti Finzi, che cura anche la rubrica “Psiche Lei” sul periodico Io Donna, sottolinea come tutto questo non fa che creare uno stato di infelicità nei giovani: “Il dilagare degli adulti sui loro figli – ha detto – è deleterio in quanto si trasmettono loro stereotipi ed aspettative che li spingono ad essere sempre in competizione piuttosto che a realizzarsi. La cosa più triste è che, alla fin fine, nessuno risulta contento: mamma e papà vivono con ansia la loro genitorialità e i figli non riescono a camminare sulle loro gambe. E allora che fare? Lasciarli fare le loro scelte, consentendo loro anche di sbagliare e di imparare dai loro errori.”

 


1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO