Condividi

Molte volte ci dimentichiamo dell’impatto che abbiamo come insegnanti. La Scuola è un posto affollato e i docenti sono molto impegnati, quindi non è sorprendente se qualche volta non cogliamo l’occasione di fermarci e riflettere sull’influenza che esercitiamo sui giovani studenti di cui abbiamo cura.

Spesso sono le piccole conversazioni, i consigli, i sorrisi amichevoli o i brevi complimenti che significano molto per loro, e mentre noi ce ne dimentichiamo facilmente per organizzare la prossima lezione o preparare il compito in classe, quelle parole marchiano lo studente per molto tempo fino a plasmare personalità e pensieri.

Ringrazia i tuoi insegnanti oggi stesso. Fategli sapere ciò che siete diventati, come uomini e come professionisti. Scrivigli una lettera, come ha fatto questo studente: ha voluto ringraziare quell’insegnante che nel suo modo inimitabile ha cambiato la sua vita… per il meglio!


 lettera di ringraziamento ad una insegnante
 Lettera di ringraziamento alla mia insegnante:
 ti ho odiata dal primo giorno di Scuola. Ti ho odiata perché volevi mi esprimessi in maniera corretta. Ho odiato tutte le volte che non accettavi i miei compiti tranne quando erano fatti nel modo migliore che potevo, ed il modo migliore che potevo richiedeva molto più sforzo di quello che ero disposto a mettere.
 Avevamo però molto da dirci, all’inizio. Ricordo anche di quella volta che abbiamo pranzato insieme in gita! E nonostante le mie urla, le mie disattenzioni ed i miei rifiuti all’impegno, ricordo che non hai mai perso la calma. Sei stata paziente con me. Hai sempre trovato il tempo per ascoltarmi ogni qualvolta ne avevo bisogno.
 Se mi fermo a pensare a quei giorni in classe insieme, riesco a rivedere in me tutte le cose importanti che mi hai spiegato. Mi hai insegnato la disciplina. Molto più dell’Italiano, che era ciò in cui avresti dovuto esclusivamente istruirmi, mi hai insegnato a credere in me, perché avrei potuto ottenere molto più di quello che pensavo di avere o di quello che le altre persone credevano di me. Un giorno potrei addirittura essere un uomo di successo, invece di un “clown” come mi piaceva essere in classe!
 Per questa lezione, ti devo molto!
 GRAZIE!
 Un tuo studente

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO