Il 5 maggio IO NON SCIOPERO – Prof. Mauro Emanuele Piras

non-sciopero

Martedì prossimo, 5 maggio, non aderirò allo sciopero del comparto scuola indetto da numerose sigle sindacali, tra cui quella di cui faccio parte, contro il Ddl di riforma del sistema di istruzione in discussione in Parlamento.   Poiché sono stato a lungo rappresentante sindacale FLC CGIL ritengo necessario, per onestà intellettuale e per dare un contributo alla discussione, spiegare le ragioni...

Siamo davvero un paese messo male

paese-messo-male

Il dibattito sulla scuola, soprattutto nelle ultime settimane e negli ultimi giorni, alla vigilia dello sciopero generale, è arrivato a livelli davvero indegni.   Al di là degli slogan demagogici e falsi che nutrono la retorica del prossimo sciopero, e anche ben al di là del pressapochismo governativo, siamo arrivati alle mail denigratorie inviate da anonimi a tutti gli indirizzi istituzionali...

Il 5 maggio sciopero perché…. di Matteo Saudino

Matteo Saudino

  1. Il 5 maggio sciopererò contro la pessima scuola renziana perché non voglio che la scuola pubblica italiana si trasformi in un'azienda, in un luogo di sterile competizione, di lupi addestrati a divorare altri lupi, in cui i dirigenti scolastici si tramutano in manager dotati dei poteri di stabilire l'offerta formativa dell'istituto e l'organico relativo, di valutare arbitrariamente il lavoro...

Io farò sciopero il 5

farò-sciopero

È con un disagio crescente che assisto al dibattito che si sta scatenando sulla riforma della scuola e che vede disegnarsi schieramenti sempre più contrapposti e più astiosi e verbalmente aggressivi se non violenti. Mi capita di trovarmi dall'altra parte non solo rispetto a persone con le quali non voglio aver niente da spartire ma anche ad altre che...

C’è una Scuola ed un’altra

una scuola

  C'è una Scuola che è morta, demotivata, spenta. Ce n'è un'altra che dura tutto il giorno, anche fuori dalla propria classe. C'è una Scuola che è fatta di libri, programmazioni, griglie di valutazione. Ce n'è un'altra che anche se prendi 10, continui ad interessanti di quell'argomento. C'è una Scuola che è fatta di BES, DSA, ADHD, materiali compensativi. Ce n'è un'altra che un lavoro...

Strategie di Inclusività per uno Studente Sordo

Inclusività-studente-sordo

Gli educatori, gli insegnanti e i professori, spesso si possono trovare impreparati davanti ad uno studente sordo, il loro modo di insegnare è spesso il modo che parte da una prospettiva omologante dell’insegnamento e dell’apprendimento: il bambino sordo deve infatti fare quello che fanno i suoi compagni udenti, in quanto egli possiede capacità intellettive intatte.   Se questo è vero, è...

Il mio lavoro te lo porti dietro, a casa, ovunque, sempre

Il mio lavoro te lo porti dietro, a casa, ovunque, sempre

Non sempre ce la fai a farlo come si deve. Ci sono lavori che arriva una certa ora e te ne torni a casa, bum, finito, sei a posto. Fino a domani non ci pensi più. Ci sono lavori che il capo è un po' un bastardo e ti costringe a portarti il lavoro a casa. Ci sono lavori che non hai...

L’Insegnante Invisibile È Colui Che…

L'insegnante invisibile è colui che

L'insegnante invisibile è colui che si alza la mattina, e pensa alle sue due famiglie, quella a casa e quella a scuola. È quell'insegnante che se ascoltato ti apre un mondo, di suggerimenti da fare invidia a wikipedia. È quell'insegnate che nonostante i tagli alle risorse, la moltiplicazione delle ore e della burocrazia, si sente sempre "insegnante" e si mette in gioco in...

Amo Insegnare Perché…

amoinsegnareperche

Educare è mostrare la vita che non hanno ancora visto.   L'educatore dice "guarda là" e, parlando, indica un frammento: apre uno squarcio. Gli studenti fissano lo sguardo, ammirati, e vedono cose che non hanno mai visto. Il loro mondo si espande, il desiderio di imparare si rafforza. L'educazione non avrà mai fine finché qualcuno mostrerà ciò che sta più in...

I voti sono una stronzata !

voti sono una stronzata

Me lo ricordo come fosse ieri. Io, probabilmente il più grande asino in trigonometria che la storia ricordi, riesco a prendere sei. SEI! Ok, lo ammetto, avevo copiato dalla prima all'ultima riga. Spudorato come pochi, avevo riprodotto il compito del mio compagno di banco che manco una fotocopiatrice di ultima generazione. Problema: prendo il suo compito: lui otto, io sei. Beh? C'era qualcosa che non andava. Così,...