Condividi

Spesso i figli si dimenticano dei sacrifici fatti dai genitori per assicurare loro istruzione, vestiti e pasti caldi. Molte persone non apprezzano queste cose, che ritengono assolutamente normali e “dovute”, ma in alcuni paesi del mondo, specialmente quelli in via di sviluppo, queste cose non sono assolutamente garantite, e i genitori sono costretti a svolgere lavori umilianti e a grandi sacrifici per assicurare ai loro figli la possibilità di avere un futuro migliore.

Questa è la storia di Idris, un uomo che ha affrontato grandi sacrifici per permettere alla figlia di avere la possibilità di evitare una vita di povertà e di stenti, è la storia di un padre che è stato disposto a tutto per amore della figlia.

Storia di Idris

Questa storia è stata raccolta da GMB Akash, fotografo di fama internazionale che è il vero portavoce delle classi sociali più umili del Bangladesh. È grazie al suo lavoro se questa storia è conosciuta e apprezzata.

Queste sono le parole di Idris.

Da bambino ero molto povero e sono cresciuto quasi analfabeta. Ho sempre cercato di fare la cosa giusta e di rispettare la legge, ma sono riuscito a trovare lavoro solamente come spazzino. Sono consapevole che ogni lavoro onesto merita il massimo rispetto, ma avevo paura per le mie figlie.

Ogni uomo mi ha sempre guardato dall’alto verso il basso, sono sempre stato umiliato e non volevo che loro vivessero sulla loro pelle le mie stesse umiliazioni, per questo motivo ho sempre detto loro che facevo l’operaio. Ogni sera mi lavavo nei bagni pubblici per togliere la puzza di spazzatura e potermi presentare a casa. Non volevo ingannarle, volevo solamente creare un futuro migliore per loro, e farle sentire orgogliose del proprio padre.

Idris aveva un sogno.

Mia figlia voleva andare all’Università, e io avrei fatto qualsiasi cosa per accontentarla. Ho lavorato fino a tardi con turni massacranti e digiunato per molte sere, non mi sono mai comprato una camicia o un paio di scarpe. Ogni soldo che guadagnavo era destinato ai libri delle mie figlie. Nonostante tutti i sacrifici non sarei stato in grado di pagare la retta per l’ammissione al College di mia figlia. Avevo meno di 24 ore di tempo ed ero disperato, era la realizzazione del mio peggior incubo.

Ero un vegetale al lavoro, restavo in disparte in mezzo alla spazzatura e piangevo, non avevo il coraggio di tornare a casa, mi sentivo una nullità. I miei colleghi mi fissavano senza parlare e alla fine della giornata sono venuti da me con una busta. Hanno detto che noi siamo tutti fratelli e dobbiamo aiutarci a vicenda, e mi hanno consegnato il salario della giornata. Con quei soldi mia figlia è andata a scuola!

La figlia di Idris non ha dimenticato questo gesto.

Mia figlia sta per finire l’Università e spesso viene a trovarmi al lavoro, tutti i miei colleghi la amano. Lei offre sempre pasti caldi ed è molto gentile. Ha detto di avere un grosso debito verso tutti i miei colleghi e che farà sempre del suo meglio per aiutarli. Sono orgoglioso di avere una figlia così.

Questo il post dalla pagina ufficiale del fotografo:

Che altro dire? I sacrifici di Idris hanno prodotto ottimi risultati. Condividi questa storia con tutti i tuoi amici su facebook.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO