Condividi

Recentemente si è svolta una vicenda che ha lasciato tutti a bocca aperta. Un uomo infatti avrebbe tirato un calcio ad un bambino di 3 anni a Cosenza. Il piccolo, insieme ai 2 fratelli, si era recato nei pressi di Corso Mazzini per prendere un gelato.

Bimbo Marocchino di 3 Anni Preso a Calci

Il bambino sarebbe stato colpito dall’uomo perché si era avvicinato alla carrozzina della figlia. Fortunatamente, grazie ai testimoni e alle videocamere di sicurezza, l’uomo è stato identificato.

La coppia di coniugi, rispettivamente di 22 e 24 anni, sono al momento accusati di lesioni aggravate. Al riguardo è intervenuto Mario Occhiuto, il sindaco di Cosenza, che ancora stenta a credere a questo episodio.

«Leggo di un raccapricciante episodio di violenza accaduto nei giorni scorsi per strada a Cosenza a scapito di un bimbo di tre anni e la cosa non può che suscitarmi indignazione e sconcerto. Resto sconvolto per le modalità del fatto e perché la circostanza si è verificata in una via del centro della nostra città».

Il primo cittadino ovviamente condanna il gesto: «Qualsiasi sia il motivo, se di natura razzista o di cieca follia certamente si tratta di un gesto gravissimo che non può trovare alcuna giustificazione, né deve passare sottaciuto. Non possiamo assolutamente tollerare l’odio inconsulto e cruento, specie quando la vittima è un bimbo piccolissimo e specie se tale violenza si verifica a Cosenza, storicamente città di inclusione e accoglienza».

Poi si rivolge alla famiglia: «Fermo restando che le indagini stabiliranno le effettive responsabilità, esprimo alla famiglia della piccola vittima tutta la mia vicinanza e quella dell’Amministrazione comunale».