Condividi

Con internet e i social network le notizie fanno presto a circolare e a diventare virali. Questo capita soprattutto per alcuni tipi di video, solitamente violenti o shoccanti. Spesso infatti vengono ripresi dei ragazzi intenti ad eseguire sevizie o pestaggi nei confronti delle vittime.

In queste ore sta circolando un video nel quale vengono ripresi 2 ragazzi. Uno dei due sta picchiando a sangue l’altro. La cosa che ha creato scandalo non è il pestaggio di per sé, ma le presunte motivazioni. Inizialmente infatti si pensava che il motivo potesse essere di origine omofoba, ma le cose non stanno esattamente così.

Picchia un Coetaneo Perché Gay

Come capita su internet, un video o una foto può essere facilmente travisata. I 2 infatti si stavano aggredendo, ma il motivo non è da ricercarsi nella presunta omosessualità di uno dei due soggetti. A far nascere qualche dubbio è stata la frase dell’aggressore, che è stata percepita come un “vieni qua, gay!”. Dopo un’attenta analisi si è giunta la conclusione che il ragazzo ha detto “vieni qua, vieni!”.

A dare maggior peso a questa ipotesi è un’amica comune ai due ragazzi, Anna, la quale dichiara che entrambi sono eterosessuali. Il video è stato divulgato da una ragazza di Napoli mentre il tutto è stato ripreso a Cagliari. Oltre ai 2 ragazzi sono presenti anche altri coetanei che però non sono intervenuti.

Anna fornisce qualche spiegazione: «È stato un litigio per un gesto poco corretto della vittima nei confronti della persona che l’aggressore nomina nel video, vale a dire la fidanzata di quest’ultimo. Il filmato è stato registrato da un altro amico e lo ha inviato in una chat privata. Si presume che qualcuno che voleva fare un torto all’aggressore l’abbia mandato a qualche pagina, che poi lo ha pubblicato».

Dunque conclude: «Io non ero personalmente presente tutti noi amici non siamo d’accordo con ciò che ha fatto l’aggressore, infatti qualcuno gli ha detto che non andava bene. Comunque ora i due ragazzi sono in rapporti di pace».