Condividi

Nel 2019 sono ben 2.000 i posti di lavoro che sono messi a disposizione nel concorso DSGA

A gennaio partono le domande per il bando di reclutamento che riguarda le scuole statali. Un concorso molto atteso che ha priorità assoluta. Il ministro Bussetti ha dichiarato che sono necessarie più di 2.000 figure per le scuole.

Concorso DSGA

Il bando si divide in due settori per giungere alla selezione finale. I titoli necessari, per riuscire ad avere il lavoro, sono decisi tra varie regioni che hanno posti vacanti. Per presentare la domanda, con scadenza entro il 28 gennaio, si deve accedere al sito miur.gov.it nel Concorso DSGA”.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL BANDO

Il momento della preselezione

I posti disponibili in tutta Italia sono moltissimi, ma si devono eseguire tutte le prove di esame e le preselezioni che riguardano il concorso. Si tratta di un esame di una durata massimo di 100 minuti nelle sedi decise dal Governo.

Nella preselezione, gli esami, sono divisi in 4 discipline diverse. Tale valutazione viene eseguita dai docenti che assegnano un punteggio. In seguito si svolgono 2 prove scritte sempre con degli argomenti di teoria unita alla pratica. Per accedere alla prova orale si deve raggiungere un punteggio che va da 21/30.

Il Rush finale

Una volta giunti alla prova orale si deve fare un colloquio con materie specifiche. Il candidato deve rispondere a funzioni di DSGA e avere la conoscenza di strumenti informatici e comunicazione. Inoltre, ci sarà una prova in inglese. Il massimo del punteggio da raggiungere è di 30 punti. Per superare questo esame occorre avere un punteggio superiore a 21 punti.

In caso i candidati saranno superiori a quelli messi a disposizione si dovrà eseguire un secondo concorso. Si tratta di un concorso che era rimasto bloccato per più di 20 anni per questo il ministro Bussetti ha informato la stampa per confermare che il bando è stato sbloccato e che ora le figure necessarie in ambito amministrativo, tecnico e pratico sono tantissime. Un grande aiuto per le nostre scuole che sono sprovviste di tali figure professionali.