Condividi

Ieri mattina, in occasione dei test del Campus Biomedico non sono state rispettate le norme sanitarie, gli studenti si sono trovati ammassati in più aree dei padiglioni.

Erano a migliaia i giovani presenti a ieri mattina a Fiere di Roma per eseguire i test d’entrata per medicina presso il Campus Biomedico. Per questo motivo, nelle ultime ore stanno girando nel web immagini degli assembramenti avvenuti dentro la struttura, creando non poche polemiche, e facendo presto diventare trend l’hashtag #distanziamento sociale.

Gli ingorghi principali si sono verificati all’interno dei tunnel di entrata, non una novità quando ci sono tante persone, il problema è che non sarebbe dovuto accadere in questo caso.

“Questa mattina nell’area pubblica del tunnel esterno ai nostri cancelli si è verificata per un brevissimo lasso di tempo, dovuto a un ritardo nell’accredito, un’eccessiva densità di candidati, che abbiamo prontamente rimosso provvedendo ad un veloce deflusso verso l’interno delle aree del quartiere, dove i grandi spazi consentono di evitare assembramenti”: ha dichiarato il responsabile della sicurezza a Fiere di Roma Francesco Crognale.

In un’altro padiglione erano presenti anche i test per il concorso di Allievi Ufficiali della Guardia di Finanza, questo ha contribuito a rendere ancora più spessa la mole di folla presente. Tra gli assembramenti molti indossavano la mascherina e altri no, ma essendo presenti così tante persone tutte assieme la situazione era già ad alto rischio. Resta da capire se i problemi riscontrati sarebbero potuti essere evitati in qualche modo, oppure l’evento avrebbe dovuto essere diviso in date diverse.