Condividi

Molte persone, al termine del loro percorso di studio, ambiscono a lavorare nell’ambito dell’istruzione. Solitamente questo avviene in maniera “limpida” e “trasparente”, capita però che qualcuno riesca ad imbrogliare.

Un ragazzo di 27 anni era riuscito a raggiungere il “sogno italiano”: il posto fisso. Era infatti stato assunto in qualità di collaboratore scolastico presso un istituto comprensivo di Milano. Ma il suo comportamento non è stato del tutto onesto.

Concorso per Bidello

Il ragazzo infatti non si era diplomato con valutazione 100, come aveva dichiarato nella sua autocertificazione, bensì con 75. Una valutazione molto inferiore rispetto a quella dichiarata inizialmente. Nonostante ciò, tutto sembrava filare per il verso giusto. Almeno per i primi mesi.

Dopo due mesi infatti è stato scoperto l’escamotage utilizzato dal ragazzo per ottenere la posizione lavorativa. Il giovane quindi, oltre ad essere indagato per l’accusa di false attestazioni a un pubblico ufficiale, dovrà restituire anche lo stipendio intascato indebitamente.