Condividi

A Presicce, in provincia di Lecce, un bambino di tre anni è rimasto per più di cinque ore sullo scuolabus, dimenticato. Per potergli permettere di uscire si è dovuto rompere il finestrino. Secondo i testimoni è stato solo grazie al fatto che non faceva eccessivamente caldo e che il bus era all’ombra se le conseguenze non sono state gravi.

dramma in salento

La Gazzetta del Mezzogiorno riporta che la mamma del bimbo lo aveva accompagnato come ogni giorno allo scuolabus e gli aveva allacciato la cintura di sicurezza. Una volta arrivato a scuola, però, il piccolo è rimasto a bordo. L’autista, non accortosi di nulla, ha parcheggiato il mezzo in cortile e si è allontanato dopo averlo chiuso a chiave.

La mamma verso le 13 è andata a scuola per prendere il figlio più grande e, alla domanda su dove fosse l’altro bambino, si è sentita rispondere che quel giorno non era a scuola. Sono seguiti attimi di terrore. La donna è corsa verso lo scuolabus dove aveva fatto salire suo figlio e ha trovato il bambino a bordo, per fortuna sveglio e sereno e con la cintura allacciata.

Insieme al padre di un altro bambino ha rotto il finestrino del mezzo grazie ad un martello e ha tratto in salvo il piccolo. Sembra che dopo l’accaduto l’assistente dello scuolabus abbia presentato le dimissioni.