Categorie
Attualità

Ernesto Celentano Morto di Covid, Medico Contagiato Mentre Curava i Suoi Pazienti

Era stato ricoverato improvvisamente per una settimana, in seguito Ernesto Celentano è deceduto a causa del Coronavirus.

L’uomo era stato contagiato da un paziente mentre rimuoveva dei punti di sutura, era stato ricoverato per una settimana in gravi condizioni prima di morire.

Ernesto Celentano

Ernesto Celentano era un noto medico di base a Secondigliano, nella periferia settentrionale di Napoli, era stato contagiato da un paziente mentre stava rimuovendo dei punti di sutura, che in seguito era risultato positivo al Covid-19. A renderlo noto è stata la pagina Facebook dell’associazione Nessuno Tocchi Ipocrate per mano del collega Manuel Ruggiero: “Non abbiamo mai sperato in una nuova fake news come stavolta, invece è vero. Le nostre condoglianze alla famiglia di un medico che ha lottato in prima linea pagando questa scelta a caro prezzo”.

Le condoglianze sono arrivate anche dal sindaco del capoluogo campano Luigi De Magistris: “Profondo cordoglio per la scomparsa di questo medico che donava agli altri assistenza e umanità.

LEGGI ANCHE: Infermiera Rubava Tamponi dal Reparto dell’Ospedale in cui Lavorava e Finto Medico Li Eseguiva a Pagamento

Da tempo si discuteva sulle misure cautelari da adottare per i professionisti sanitari nei tempi di pandemia, molto esposti al contagio e responsabili in prima linea della gestione del virus. A riguardo era anche intervenuto Francesco Emilio Borrelli:“Purtroppo gli operatori sanitari continuano a pagare un tributo altissimo in termini di contagi e di vite umane in questa seconda ondata i numeri confermano che a essere esposti a maggiore rischio sono proprio colore che si trovano in prima linea a combattere il virus. È nostro dovere tutelare in special modo chi si deve prendere cura di noi con tutti i mezzi possibili, non solo garantendo a medici e infermieri i necessari dispositivi di protezione individuale e il rispetto dei protocolli anti Covid, ma soprattutto agendo in modo responsabile. Occorre che tutti prendano coscienza che il virus corre sulle nostre gambe e ogni qualvolta si mettono in campo comportamenti scellerati si mette a repentaglio la propria vita e quella altrui”.