Condividi

Ho dato soprattutto la cosa più preziosa : il mio tempo.

In tutti questi anni credo di aver dato tanto alla scuola.

Forse perché appartengo a quella categoria di docenti che non vede il proprio lavoro come uno qualsiasi, che non guarda l’orologio e stacca quando suona la Campanella.

Il mio tempo già… Perché c’è tempo c’è tempo per altre cose mi dico stupidamente…

Forse questa voglia di fare (e non di apparire sia chiaro eh) non è uno stupido idealismo (cambiare il mondo?), forse è solo la reazione ad una insoddisfazione di fondo: cercare altrove ciò che la scuola non ti dà.

Mi riempio di cose e progetti per riempire un vuoto educativo causato dal mio tempo lavoro.

Certo non sono solo, sono tanti come me che si spendono e credono tenacemente in una nuova scuola, ma anche gli altri sono tanti. Quella Scuola non morirà mai pur essendo vecchia!

scuola la cosa più preziosa

Dirigenti scolastici che si fermano alla burocrazia e vietano tutto o hanno paura di tutto o esercitano il potere per il puro gusto di averlo. Ne ho conosciuto tanti! Alcuni neppure sanno cosa fai!

Docenti e Vicari che basano tutto sui voti, sulle solite lezioni e non hanno neppure la forza di guardarti negli occhi. Perché per loro la scuola è altro e forse sono zombie che hanno dimenticato di essere vivi!

Vivi come la vita che pulsa nelle vene dei nostri alunni.

Guardare negli occhi dicevo, perché guardare negli occhi e sorridere alla vita, ai nostri studenti è quasi un nostro dovere educativo e forse è una qualità che hanno i Re.

Tutto questo lo faccio per i miei alunni, solo per loro (e per la mia adorata fisica) mi dico, non certo per dei miseri soldini da funzione strumentali o per chissà quale potere.

Resto dopo 8 anni del mio insegnamento con i miei 1378 euro mensili.

Sono un servitore dello Stato mi dico.

Lo stesso stato che non ti ascolta e snobba i tuoi progetti.

Ieri una importante persona mi dice: Tratta la Scuola come lei tratta te.

Lo so non lo farò mai e stupidamente da domani avrò dimenticato questo articolo!

 


Autore articolo

Alfonso D'Ambrosio

Alfonso D’Ambrosio

Insegnante

SEGUILO:

Facebook