Condividi

I bambini dovrebbero essere tutti uguali, dovrebbero avere tutti gli stessi diritti e pari opportunità, dovrebbero vivere la loro infanzia spensierati e felici, ma purtroppo esistono bambini da qualche parte del mondo abbandonati a se stessi che vivono tra le bombe ed il gelo, dove ogni giorno rischiano la vita. Si tratta di bambini siriani che vivono in condizioni di trauma e piena sofferenza, tra le bombe e costretti a dormire al gelo, una violenza che viene ripagata con altra violenza.

Stremati dal freddo, senza un tetto, senza un pasto caldo, vivono allo sbaraglio, un’infanzia strappata, dove le bombe e le armi rubano i loro sorrisi e la loro innocenza. Secondo le Nazioni Unite sono più di 800mila i siriani che hanno dovuto lasciare tutto per colpa della guerra che va avanti da nove anni, non conosce tregua, non conosce silenzio ed a pagarne le conseguenza sono proprio i più piccoli vivendo in condizioni estreme, talvolta anche perdendo la vita.

L’ONU non ha mai smesso di offrire ausilio e sostegno a queste famiglie, fornendo sussistenza alimentare ma purtroppo viene continuamente interrotta a causa delle continue ostilità e non sempre riescono a fornire aiuti concreti. Una storia straziante è quella di una giovane mamma di 33 anni che ha visto morire tra le sue braccia il figlio di appena un mese, come questa tantissime altre storie agghiaccianti.

Nonostante tanta sofferenza, in Siria non si fermano le ostilità, attacchi aerei, scontri armati che stanno distruggendo un intero popolo, solo nell’ultima settimana sono state sfollate 140 mila persone, per cui i bambini sono costretti a dormire al gelo talvolta morendo.

Per tanti bambini questa situazione insostenibile porta seri danni psicologici, influenzando il sonno, il linguaggio e le abilità sociali, l’organizzazione umanitaria spiega che le strutture sanitarie in Siria funzionano a malapena e hanno pochissimo personale medico ed infermeristico, non esistono strumenti per alleviare il freddo e sono sempre più frequenti le infezioni e le malattie causati dall’inquinamento e dal freddo pungente per cui possono causare gravi danni alla salute umana, insomma una vera e propria tragedia umana.