Categorie
Attualità

La Maestra del Video Hard: “La Preside mi Chiamò Svergognata”



La donna ha perso il lavoro dopo che il video diffuso dal suo ex ha iniziato a circolare, “Il giudizio di chi ti vuole far sentire sporco ti uccide dentro“.

Sono parole scioccanti quelle raccontate dalla giovane maestra di Scuola dell’Infanzia che nel nel 2018 aveva perso il lavoro a causa di alcune file diffusi dall’ex fidanzato a sua insaputa: “Il giudizio di chi ti vuole far sentire sporco, il tradimento e tutti quelli che vogliono ad ogni costo il tuo silenzio… ti uccidono dentro”.

LE REAZIONE DELLA MAESTRA

Dopo molto tempo passato nella vergogna alla fine non si è piegata ed ha denunciato, poi attraverso gli avvocati aveva fatto sapere: “Sono molto provata per quello che è accaduto. Sono stata offesa in maniera cristallina la plateale lesione, temo l’utilizzo sconsiderato dei social possa pesantemente riverberarsi nella vita reale”.


Oggi alla giovane età di 24 anni, dopo aver affrontato già diverse complicazioni dovrà mettersi alla prova anche in tribunale, dove ancora una volta dovrà superare gli sguardi accusatori. Oltretutto sarà costretta a a raccontare pubblicamente, davanti all’interessata, ossia la preside dell’istituto in cui lavorava, di quando è stata forzata a dimettersi venendo definita svergognata. Tutto questo con il terrore di essere identificata come in questi ultimi due anni, i problemi l’hanno portata ad un profondo cambiamento nei rapporti con genitori, amici e conoscenti.

LA DIFFUSIONE DEL VIDEO HARD DELLA MAESTRA

Il tutto era iniziato quando nel marzo del 2016, un’amica le aveva comunicato che l’ex fidanzato aveva pubblicato nel gruppo dei compagni di calcio, 28 foto e 2 video in cui lei assumeva comportamenti erotici. Aveva tentato subito di contattarlo chiedendo invano di cancellare il materiale inviato, il giorno seguente avrebbe confessato il tutto alla preside della scuola per avvertirla del fatto, la dirigente invece l’ha costretta a dimettersi.

“Siamo venuti a sapere da alcuni genitori che lei è protagonista di alcuni video e foto porno diffuse sui social e questo ha creato malcontento tra i genitori, che minacciano di ritirare i figli da scuola”. Si leggeva nella lettera.