Condividi

Su Il Giornale.it, il filosofo Stefano Zecchi definisce la professoressa di Palermo drammatica e grottesca.

stefano zecchi

Ecco cosa ha scritto: “Ciò che ha fatto l’insegnante palermitana, i cui alunni in una video hanno accostato le leggi razziali nazifasciste al decreto sicurezza del ministro dell’Interno Matteo Salvini, è drammatico e grottesco al tempo stesso”.

Secondo Zecchi la professoressa che ha paragonato Salvini a Hitler e Mussolini, avrebbe dovuto compararlo anche a Stalin. Tutto questo, comunque, non davanti ai suoi studenti, perché il docente non deve influenzare l’insegnamento della storia dalle proprie opinioni.

“E’ difficilissimo, ma un insegnante è tanto più bravo quanto più riesce a tenere distinte le due posizioni”. In aula “il comportamento deve essere diverso: qui la propria idea politica deve rimanere dietro le modalità dell’insegnamento, perché il compito dell’insegnante è di far conoscere cercando lo sviluppo di una coscienza critica da parte del giovane”.

Ecco il motivo dei termini “drammatica” e “grottesca”: “Drammatica perché rovina la testa dei suoi studenti, quando dovrebbe proteggerla e aiutarla a svilupparsi nell’autonomia di giudizio: cosa del tutto trasgredita con un’ignorante illustrazione della realtà che non rispetta la storia. Capisco che nel mondo della politica, del dibattito televisivo le associazioni tra passato e presente, tra le vicende storiche di un tempo e la realtà presente possano con semplicistica comunicazione essere mistificate per provocare. Ma a scuola no; questo è il luogo deputato alla comprensione scientifica dei fatti, all’approfondimento del sapere: le banalità non devono trovare spazio tra le mura della scuola, diversamente non è una scuola, ma un bar, un talk televisivo, anche. Poi, dicevo, grottesca: l’insegnante palermitana è una penosa figura grottesca. È la nostalgia del Sessantotto e dei successivi Anni di piombo, quando si era inventato «l’antifascismo militante». Nel suo nome, veniva picchiato o ammazzato chiunque non si schierasse per l’antifascismo militante, che di antifascismo non aveva nulla, ma era il pretesto per l’esercizio della violenza contro un nemico designato. Non è un caso che, chi si è schierato a favore della professoressa palermitana, evochi l’antifascismo militante: cinquant’anni fa tragico, rievocato oggi grottesco”.