Condividi

Non smettono di appassionare le vicende private dei principi Meghan ed Harry, soprattutto dopo il loro divorzio con la Casa Reale. il loro volontario allontanamento è già definito, effettivo e formalizzato. I due però hanno ancora degli obblighi nei confronti dei Windsor, per cui non possono esimersi dall’evento del 9 marzo.

Nonostante abbiano rinunciato a titoli e privilegi della Corona, affermando la loro indipendenza con un grande coraggio, Meghan ed Harry torneranno in Gran Bretagna per presenziare a una celebrazione il 9 marzo. Così vuole nonna Elisabetta II e così è stato deciso negli accordi che sancivano il divorzio dalla Royal Family: i Duchi del Sussex devono comunque affiancare i parenti reali in alcune cerimonie ufficiali.

Il 9 marzo, quindi, su espresso invito della regina, saranno nell’abazia di Westminister per la celebrazione del Commonwealth Service, insieme a tutti gli altri Windsor. La reunion avverrà prima del previsto, a quanto pare, perché non è passato molto tempo da quando Meghan ed Harry hanno cominciato ad assaporare la libertà dai protocolli di corte.

Meghan dovrà rinunciare alla super privacy assicurata dalla nuova villa canadese a prova di paparazzo e all’abbigliamento casual in cui si è tuffata in questo breve periodo. Ritornano, ma solo per gli eventi. Anche se questi si susseguiranno con una certa frequenza, a quanto pare. Ma la coppia è determinata a proseguire sulla strada scelta: cercano casa anche a Los Angeles, per poter trascorrere i mesi estivi nella città d’origine di Meghan.