Categorie
Attualità

Nuovo Dpcm 15 Gennaio, Ecco Le Novità



Di che “colore” sarà l’Italia dal 7 gennaio dopo l’eliminazione delle misure restrittive anti-covid previste per le festività? Queste le novità del nuovo Dpcm del 15 gennaio.

Dpcm 15 Gennaio
SCUOLA

La scuola riaprirà il 7, con una presenza anche per le superiori al 50% fino al 15 gennaio. In seguito la percentuale dovrebbe essere portata al 75%.

RISTORANTI

I luoghi di ristoro dovranno comportarsi a seconda della regione in cui si trovano, con apertura fino alle 18 se sono in zona gialla o con il solo servizio d’asporto/consegna a domicilio se è arancione o rossa. E tutto sembra confermare che le misure restrittive siano purtroppo d’obbligo, dal momento che il tasso di positività è aumentato in maniera esponenziale, raggiungendo il 12,6%.


TEATRI, CINEMA, PALESTRE

Teatri, cinema e palestre rischiano di rimanere chiusi anche dopo la metà del mese, visto l’andamento in salita della curva dei contagi. Ogni decisione dovrà tenere conto dell’andamento epidemiologico.

E anche, di conseguenza, le fasce a rischio per ogni regione, come annunciato dal ministro della Salute Roberto Speranza: “Finché i vaccini non produrranno un impatto epidemiologico sulla popolazione, l’unica cosa che funziona sono le misure restrittive. L’indice Rt dà segni di ripresa, dopo la Befana dovremo ripristinare il modello delle fasce di rischio e confermare le misure base delle zone gialle. Sì, ristoranti e bar chiusi alle 18, chiusi piscine, palestre, cinema, teatri, stadi. Siamo ancora dentro la seconda ondata, Londra torna verso misure molto dure e anche noi abbiamo ancora troppi casi e troppi morti”.

Le regioni, però, chiedono di tenere conto di altri fattori nel decretare le zone a rischio, primo tra tutti il calcolo dei tamponi in relazione alle positività.

Nel week-end del 9 e 10 gennaio in tutta Italia saranno in vigore le misure previste per la zona arancione: tra queste, le chiusure di bar e ristoranti anche a pranzo, ma aperti solo per la vendita da asporto. Dal 7 gennaio e fino al 15, data di scadenza dell’ultimo dpcm, viene consentito lo spostamento tra le regioni solo per ragioni di necessità. Prevista anche la proroga del divieto di ospitare a casa più di due parenti o amici, minori di 14 anni esclusi.

Potrebbe essere prorogata con un’ordinanza del ministro della Salute, la scadenza del decreto natalizio, al momento prevista il 7 gennaio. Le due ipotesi in campo sono quella di mantenere in vigore le misure vigenti fino al 15 gennaio, data di scadenza dell’ultimo Dpcm, oppure di tornare in zona gialla per il 7 e 8 gennaio, per poi passare alle misure della fascia arancione il weekend del 9 e 10 e, successivamente, sulla base del monitoraggio, assegnare le fasce per la settimana seguente.