Condividi

Ovviamente è risaputo quanto sia importante lo sport nella vita dei ragazzi. Anche i lettori concordano su questo punto, tant’è che questa estate ci è stata inviata anche una mail al riguardo.

Lo sport è importante per i giovani anche perché insegna valori fondamentali come ad esempio il rispetto  nei confronti del prossimo. Ma cosa succede nel momento in cui sono proprio i genitori a dare il cattivo esempio in ambito sportivo?

A Battipaglia è successa una cosa che lascia davvero perplessi. Si sa che in ambiente calcistico le tifoserie possano essere un po’ troppo “vivaci”, ma qui si è superato il limite. Durante una partita di calcio che vedeva contrapporsi la scuola calcistica Spes e San Sebastiano Mazzeo (entrambe squadre under 17) un genitore ha pensato bene di estrarre una pistola.

Pistola Durante una Partita di Calcio

Secondo la ricostruzione, l’uomo avrebbe estratto l’arma da fuoco nel momento in cui gli animi iniziarono a scaldarsi fra le due squadre, scatenando un accenno di rissa. A quanto risulta l’uomo è un genitore di uno dei ragazzi della squadra di San Sebastiano.

Ovviamente i presenti hanno subito chiamato le forze dell’ordine che sono intervenute tempestivamente. L’uomo comunque è riuscito a fuggire senza farsi identificare dai presenti.

I dirigenti della Scuola Calcio Spes hanno dunque rilasciato un comunicato: Durante la gara del campionato U17 Regionale tra la nostra formazione e quella del San Sebastiano Mazzeo, si è verificato un episodio sugli spalti che ha portato il direttore di gara Sig. Antonio Ovidio Guariglia della sezione di Agropoli a sospendere la gara.

Dopo pochi minuti nella totale collaborazione tra le due squadre e l’arbitro, la gara è ripresa concludendosi nella normalità più assoluta. Durante gli attimi di concitazione, i nostri dirigenti presenti sul campo, hanno subito allertato le forze dell’ordine che giunte al campo, hanno sentito i vari testimoni che hanno confermato purtroppo, la presenza di un’arma da fuoco, in possesso di una persona al seguito della squadra avversaria.

L’uomo, non è stato identificato, perché allontanatasi repentinamente una volta venuto a conoscenza dell’arrivo dei militari. I ragazzi in campo, compreso il direttore di gara, non sono mai stati in pericolo, e sono da ritenersi completamente false, tutte le notizie difformi da questo comunicato. Il direttore di gara, accompagnato dall’osservatore arbitrale presente sul campo ha potuto svolgere il suo compito in totale tranquillità.

Purtroppo, insieme alla società S. Sebastiano Mazzeo, siamo stati vittime di una singola persona che ha rovinato uno splendido pomeriggio di sport.

Scuola Calcio Spes