Condividi

Prince Jackson, il figlio minore di Michael Jackson, si è appena laureato in Economia Aziendale. Per il 22enne ora si prospetta un futuro come amministratore dei beni di famiglia.

Prince Jackson

E’ stato T.J. Jackson, diventato tutore dei figli della popstar, ad annunciare sui social: “È stata una lunga strada ma alla fine ce l’hai fatta. Continua a imparare, continua a crescere e continua a ridare indietro tutto quello che hai appreso“.

Prince Jackson, che quando perse il padre aveva 12 anni, ha postato su Instagram: “Ho incontrato tante persone e ho imparato così tanto che solo questo sarebbe valso la pena. Vorrei poter ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato a terminare questo percorso ma non posso, ma il più grande va a TJ, Taryll e Taj che mi hanno spinto a terminare i miei studi quando volevo mollare. Non so dirvi se tutto questa valeva la pena ma sono così orgoglioso della mia laurea perché credo sia un testamento della mia dedizione e disciplina. Sono grato all’educazione che mi è stata data in questa Università e per l’incremento dei miei valori gesuiti perché credo che ispirino i laureati come me a continuare a tentare di cambiare il mondo in meglio“.

E dal momento che quel giorno ricorreva la festa della mamma, non poteva mancare un ringraziamento speciale: “Ma lasciatemi celebrare la donna più forte che ho avuto la fortuna di conoscere e amare e che mi è stata vicina nella mia vita e che merita il riconoscimento in questa festa della mamma“.

Negli ultimi tempi i Jackson sono stati al centro dell’attenzione per via di “Leaving Neverland”, un documentario riguardante le accuse di abusi sessuali su minori a carico della popstar. Anni fa Prince Jackson dichiarò che sapere di quelle accuse “fu uno shock, arrivò tutto all’improvviso, ma abbiamo imparato a conviverci semplicemente ignorando tutto“. Mentre la sorella Paris qualche settimana fa ha ribadito la sua posizione a riguardo con il tweet: “Quando finirà tutto questo?“.

Parlando del suo futuro lavorativo Prince in quell’occasione raccontò di voler lavorare nell’ambito musicale, ma in vesti di produttore: “La musica è una parte importante della mia vita. Ha modellato quello che sono oggi grazie alla mia famiglia, ma ho sempre voluto cercare un posto nella produzione. Mio padre mi chiedeva cosa avessi voluto fare da grande e la mia risposta era produrre e dirigere“.