Categorie
Attualità

Sconfitti Prima Spagnola e Febbre Gialla, Ora il Covid: Amelia Zito Vince La Battaglia a 108 Anni


Amelia Zito ha superato l’influenza spagnola, la seconda guerra mondiale e la febbre gialla, dopo la guarigione gli operatori della casa di riposo le hanno preparato una festa per il traguardo.

Ha battuto l’ennesima battaglia, e ha potuto festeggiare come meritava, si tratta di Amelia Zito che è appena guarita dal covid e ha compiuto 108 anni.

Da anni la signora vive nella residenza per anziani Vapolcevera di Genova, qui dopo numerosi tamponi finalmente ha raggiunto la totale guarigione e ha potuto festeggiare assieme allo staff l’importante raggiungimento. La faccenda è stata raccontata dal gestore Ubaldo Borchi nella sezione di Liguria e Piemonte del quotidiano ilGiornale: “Abbiamo assecondato ogni suo volere come quel compleanno dei 103, quando aveva chiesto di salire in moto e fare un giro per Pontedecimo o quello dei 105, quando per regalo aveva voluto fare un giro di trattore. Fino ad arrivare ai 106 quando alla residenza è andato il sindaco Marco Bucci a farle gli auguri e imboccarla per mangiare la torta”.

La donna è nata nel 1912, ha superato diversi momenti bui della storia come l’influenza spagnola, la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, la febbre gialla e ora il Covid-19. Si era laureata in medicina ed era diventata ginecologa facendo nascere oltre 4mila bambini, ama il ballo e la sua ricetta per la longevità è stata la semplicità, la dieta mediterranea e la cura di sè.

“Il traguardo che ci riempie di indescrivibile gioia è quello di oggi, quello dove tu con la forza dei grandi sei arrivata ai tuoi 108 anni. E poiché a te le cose facili non sono mai piaciute ci sei arrivata dopo due guerre mondiali, l’influenza spagnola, la febbre gialla e sconfiggendo anche il Covid-19 che pensava, vista la tua età, di avere facile vittoria ma non aveva fatto i conti con Amelia. Auguri Amelia e grazie per tutto quello che ci hai regalato ed insegnato in questi 10 anni”: questo l’augurio da parte della RSA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *