Categorie
Attualità

Se Entro un Paio di Giorni La Curva Epidemiologica Non Calerà Sarà Lockdown Totale



Presto tutta l’Italia potrebbe diventare zona rossa, facendoci ripiombare nell’incubo lockdown totale.

lockdown totale

Ne dà notizia il sito DagoSpia, che annuncia: “Preparatevi al lockdown. Se entro il 15 novembre la curva epidemiologica non avrà invertito la rotta, l’ipotesi più probabile è far entrare tutte le regioni in ‘zona rossa’. In questo caso sarà indispensabile rivedere la lista dei negozi che possono rimanere aperti durante la giornata. Per farlo sarà necessario un nuovo Dpcm. Ma non basta il dato sui contagi, c’è quello sulla saturazione degli ospedali. Il doppio tampone altera i dati: il tasso di positività sarebbe intorno al 20%”.

Il “Corriere della Sera” a questo proposito scrive: “La situazione epidemiologica continua a peggiorare nel nostro paese e si registra un indice rt pari a 1,72”. “Il Messaggero” afferma: “Sembra esserci una sorta di rivalsa: la politica ha avuto dei mesi per preparare la lotta alla nuova emergenza e non ha fatto niente e quindi ora, anche a dispetto delle regole, liberi tutti! L’italiano, di fronte al carosello delle opposte opinioni di professori spesso tuttologi e improvvisati, ha maturato uno scetticismo eccessivo. È stanco di loro ed è stanco di tutto”.


L’Ansa intanto dichiara: “Il ministro della Salute Speranza firmerà in serata un’ordinanza che, sulla base dei dati elaborati dalla cabina di regia, prevede il passaggio in zona arancione di 5 regioni: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria dall’11 novembre”.

Vito Bardi, governatore della Basilicata, commenta a tal proposito: “Il passaggio della Basilicata in zona arancione era inevitabile visto l’aumento dei contagi, e ciò ci permetterà di avere un controllo maggiore della situazione. Immagino che potremo avere maggiori restrizioni pur restando in zona arancione. A far salire il numero dei contagi, la situazione nelle case di cura e nelle scuole elementari e medie. Stiamo pensando infatti a incrementare la didattica a distanza”.