Categorie
Attualità

Studenti Irridono Professore Antifascista con Insulti e Svastiche sui Muri della Scuola


In maniera del tutto inspiegabile, sono ancora molti i sostenitori di una linea politica retrograda e razzista. Non si parla di ideologia di destra o di sinistra, si parla semplicemente di intollerabile razzismo.

Questa volta il triste episodio coinvolge una scuola, per l’esattezza il liceo Montale di Roma. Su un muro dell’istituto sono comparse delle scritte intimidatorie, con le immancabili svastiche, indirizzate nei confronti del presidente della Sezione Anpi Marconi ‘Ragazze della Resistenza’ Andrea Barbetti.

insulti

Il comitato provinciale dell’Anpi di Roma si stringe ad Andrea e chiede alle autorità competenti di individuare prontamente i responsabili del gesto e di sanzionarli a norma di legge. Non si tratta certo di una ragazzata, ma di un tentativo consapevole e cosciente di intimidazione, portato con la consueta vigliaccheria che da sempre caratterizza le azioni nazifasciste”.

Questa scuola purtroppo non è nuova a simili episodi. Già in passato infatti è stata infangata la memoria di Anna Frank con scritte ingiuriose nei suoi confronti. Tali scritte sono state rimosse e sostituite con le parole di una poesia di Montale con l’aiuto dello stesso Andrea Barbetti.

L’associazione nazionale partigiani d’Italia ha aggiunto: “Evidentemente la meritoria azione che Andrea e tutti i componenti della Sezione ‘Ragazze della Resistenza’ svolgono con passione e competenza nelle scuole e nel territorio è di elevata efficacia, toglie ossigeno alle menzogne fasciste e razziste che solo dove regna paura e ignoranza possono svilupparsi e provoca quindi in coloro che le propalano tali reazioni violente e impotenti”.

È bene sottolineare che le forme di razzismo andrebbero sempre condannate e che la linea politica personale c’entra ben poco. Le vittime dell’ideologia razzista furono tante e orribili. Nonostante sia un’ideologia superata, riesce a trovare, purtroppo, ancora molti consensi, anche in ambito scolastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *