Condividi

Sono un’insegnante immeritevole e lo ammetto.

Io ho solo insegnato, negli spazi angusti delle mie aule mi sono sbattuta quotidianamente per cercare di garantire uguali opportunità a tutti, nonostante le difficoltà, le carenze di mezzi e strumenti, mi sono dedicata anima e corpo a loro, i miei alunni ma l’ho fatto in silenzio, a porte chiuse, senza strombazzarlo in giro, senza rendicontare ogni minuto extra, senza chiamare “progetto” ogni attività, senza mettere titoli fantasiosi ad ufficializzare ogni flusso di idee, pensieri, spunti critici e riflessioni che abbiamo fatto insieme.

insegnante immeritevole

SONO IMMERITEVOLE… non ho fatto didattica innovativa in quanto nelle mie classi le LIM non funzionavano e nessuno le ha riparate, la rete era interdetta ed ero costretta a fare gli ascolti con un registratore comprato da me, a far gli schemi con i gessetti colorati comprati da me, a far le fotocopie a colori per i DSA a mie spese, a comprarmi da sola i libri con i materiali adattabili per loro.

SONO IMMERITEVOLE… perché non ho evidenze da allegare relative ai miei rapporti positivi con alunni e genitori (come si fa ad allegare un sorriso, un grazie, un applauso, un abbraccio?). Nessuno è mai venuto a vedere una mia lezione e valutarmi mentre facevo il mio lavoro, mentre insegnavo e tutti invece ora vogliono valutarmi per altre cose, per le ore che ho passato fuori dalle mie classi, per i moduli che ho riempito, per il tempo che ho distolto dal mio vero lavoro, per carriere che non mi competono e non mi interessano.

Io vent’anni fa ho scelto di insegnare e da allora cerco di farlo al meglio delle mie possibilità, non conta più niente? Non è requisito di merito? Peccato perché è l’unica cosa che a me piace fare davvero, non ambisco ad altri ruoli.

Lasciatemi in classe con i miei ragazzi, tenetevi la vostra medaglia e io mi tengo i loro occhi vispi e i loro sorrisi, le loro domande strampalate, il loro sguardo sul mondo da incuriosire e affinare e la loro mente fresca e pulita da arricchire…

Antonella Currò, insegnante