Categorie
Attualità

È Morto L’Immortan Joe di Mad Max: Fury Road, Addio a Hugh Keays-Byrne

L’attore australiano aveva collaborato spesso con il regista George Miller, era noto specialemente per aver interpretato il ruolo di Immortan Joe nel film Mad Max-Fury Road del 2015.

Immortan Joe di Mad Max

È morto mercoledì 2 dicembre Hugh Keays-Byrne, l’attore di nazionalità australiana era noto specialmente per la sua interpretazione nei due film di Mad Max, aveva 73 anni.

Classe 1947 è nato in India, in una regione sotto controllo britannico, negli anni sessanta, dopo essersi trasferito inizia a recitare in televisione, poi tra il 1968 e il 1973 entra nella Royal Shakespeare Academy, in seguito si trasferisce in Australia grazie all’incontro con George Miller.

Hugh Keays-Byrne
in foto: Hugh Keays-Byrne

Nel 1978 farà parte del cast di Mad Max, uscito in Italia come Interceptor, cult dai tratti post apocalittici che vede come protagonista un giovane Mel Gibson, a Keays-Byrne è assegnato il ruolo di Toecutter, il capo della banda. Poi nel premiato sequel del 2015 Mad Max: Fury Road è nei panni del terrificante Immortan Joe, l’antagonista mascherato della pellicola. Ma nel frattempo aveva continuato a lavorare con Miller ai suoi film, nel 2007 doveva partecipare alle riprese di Justice League: Mortal, ma il film non venne mai realizzato a causa di uno sciopero. Noto anche per aver interpretato il ruolo di Grunchlk, l’alieno della serie fantascientifica Farscape.

LEGGI ANCHE: Vincenzo Semeraro Sconfitto dai Due Mostri: È Morto a 11 Anni di Tumore, Aveva Preso Anche il Covid

Ci sono persone che riempiono completamente il mondo quando sei con loro. E lui era certamente una di queste. Il collante che tenne insieme il primo Mad Max. All’inizio lo trovai così formidabile da essere spaventato da quanto si calava nella parte. Ma la verità è che era una persona dolce e calorosa, accogliente con tutti“. Lo ha ricordato così George Miller. “Là fuori nel deserto, durante le riprese più ardue, non c’era persona migliore da avere accanto“, ricorda ancora Miller pensando alle scene girate.