Condividi

“Ciò che piace di più a questi studenti è la possibilità di guidare se stessi nel processo di assimilazione dei contenuti. Redooc.com ti permette di ripassare e studiare con i tuoi modi ed i tuoi tempi, di rimetterti al passo e di approfondire argomenti che in classe non si ha il tempo di affrontare.

Sono le parole di un insegnante di matematica che a Padova ha scelto di responsabilizzare i propri alunni adottando la palestra digitale di matematica più grande d’Italia nelle proprie classi ( Se hai voglia di approfondire scrivi a scuola@redooc.com).

E in effetti la metodologia di insegnamento è da diverso tempo sotto l’occhio del ciclone; pedagogisti e insegnanti si indagano, costantemente alla ricerca del modus perfetto che sia in grado di massimizzare i risultati in termini di apprendimento.

Responsabilizzare è la parola chiave, lo sapeva bene Maria Montessori, personaggio che non si può ignorare quando si parla di innovare nel mondo scuola. Il suo metodo diretto in particolare ai bambini del periodo prescolastico, si basa sulla stimolazione dell’iniziativa del bambino, attraverso l’utilizzo di materiale didattico appositamente progettato. Il metodo offre una grande varietà di compiti e la massima libertà in modo tale che il bambino possa apprendere seguendo il ritmo delle sue scoperte. È stato uno dei primi metodi che ha posto come obiettivo principale le attività sensoriali e motorie.

Maria Montessori

Un ambiente appositamente preparato, dotato degli strumenti giusti, permette al bambino di fare delle scelte e di assumersi la responsabilità del proprio apprendimento, imparando a condividere e ad aspettare. Il metodo Montessori non è solo una metodologia per sviluppare un nuovo modo di insegnare, è un mezzo per scoprire e aiutare il bambino a raggiungere il suo potenziale come un essere umano.

Redooc.com è un sito bellissimo e i video sono molto utili a farmi capire meglio.” – “I video sono belli, ti fanno usare molto il cervello e quando fai giusto ti viene sempre voglia di continuare”.  E’ il sentimento che ci restituiscono gli alunni del  professore di Padova quando cominciano a sentire di avere in mano il proprio destino.

Oggi internet ha finalmente semplificato le cose, all’insegnante la possibilità di integrare strumenti per tutte le materie che agevolano questo processo di responsabilizzazione, senza nulla togliere alle procedure tradizionali.

Concludiamo citando alcuni aforismi di Maria Montessori

  1. “Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo”.
  2. “Il più grande segno di successo per un insegnante… è poter dire: i bambini stanno lavorando come se io non esistessi”.
  3. “Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino”.
  4. “La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice”.
  5. “Il lavoro manuale con un fine pratico aiuta ad acquisire una disciplina interiore”.
  6. “Spesso, tra bambini e genitori, si invertono le parti. I bambini, che sono degli osservatori finissimi, hanno pietà dei loro genitori e li assecondano per procurare loro una gioia”.
  7. “Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente”.
  8. “È necessario che l’insegnante guidi il bambino, senza lasciargli sentire troppo la sua presenza, così che possa sempre essere pronto a fornire l’aiuto desiderato, ma senza mai essere l’ostacolo tra il bambino e la sua esperienza”.
  9. “Mai aiutare un bambino mentre sta svolgendo un compito nel quale sente di poter avere successo”.
  10. “Aiutiamoli a fare da soli”.

1 COMMENTO

  1. […] Maria Montessori non era solo una educatrice, ma anche era un filosofo, un medico e uno scienziato. È conosciuta in tutto il mondo per il suo metodo di insegnamento rivoluzionario, che prende, appunto, il suo nome e che mira a sviluppare le capacità e le potenzialità dei bambini, in modo tale da farli diventare pienamente responsabili per il loro comportamento e le loro azioni. […]

LASCIA UN COMMENTO