Condividi

Svolta nelle indagini sull’uomo che lo scorso venerdì a Napoli ha sparato a Salvatore Nurcaro, ferendo in modo grave la piccola Noemi.

Agguato Piccola Noemi

Grazie al servizio di telecamere di videosorveglianza presenti nelle strade attorno al luogo dell’agguato, ci sono buone probabilità che il colpevole sia presto individuato. E’ stato infatti identificato il numero della targa su cui il killer viaggiava e persino la suola della sua scarpa.

Inoltre Nurcaro, che è stato raggiunto da quattro colpi ma è sopravvissuto, presto potrebbe svelare il nome di che ha cercato di ucciderlo. Per ora le forze dell’ordine indagano sul generico movente della “vendetta personale”, nata in seno alla malavita organizzata.

Quello che è certo, anche grazie al filmato che ha immortalato i concitati attimi della sparatoria, è che l’assassino ha esploso diversi colpi di pistola, uno dei quali ha raggiunto ai polmoni la piccola Noemi.

Per ben due volte il malvivente ha scavalcato il corpicino della bimba, una per avvicinarsi a Nurcaro, l’altra per fuggire.