Condividi

Arianna Caruso è una studentessa di Messina che si è diplomata quest’anno al Liceo classico “La Farina”. La sua media era di 9.33 e il suo voto alla maturità è stato di 99/100. Arianna considera il voto “una presa in giro” ed ha deciso di fare ricorso al Tar.

99 alla Maturità

Ai microfoni di Fanpage.it, la ragazza spiega le sue motivazioni: “Dopo un certo percorso di studi, con la media più alta della classe, mi aspettavo una certa gratificazione, gli esami perfetti non esistono”. La studentessa è consapevole che anche i più bravi possono commettere un errore durante l’esame di maturità. “Però la commissione, avendo compreso il lavoro fatto in questi anni, avrebbe dovuto capire che un 100 sarebbe stato un giusto coronamento per la mia carriera scolastica”, sostiene.

Arianna spiega che quel punto in meno ha buttato all’aria i suoi progetti: il suo sogno era infatti quello di iscriversi ad una prestigiosa università di Roma. Se avesse preso il massimo dei voti all’esame avrebbe potuto accedere ad un concorso per il collegio nazionale dei Cavalieri del lavoro che le avrebbe garantito vitto e alloggio gratis nella Capitale. Ora tutto ciò non è possibile.

Arianna ha spiegato che le è stato tolto un punto a causa di un presunto errore nella griglia di valutazione della versione di greco. La preside del liceo “La Farina” le dà ragione, ma non ha potuto fare niente per aiutarla. La ragazza si è sfogata così ai microfoni di Fanpage.it: “Due mesi d’inferno, è stata una battuta d’arresto”, parlando inoltre di una presunta “antipatia politica”, dal momento che il contributo di sua madre nell’ambito dell’assistenza sociale potrebbe aver influito in modo negativo sulla sua valutazione.