Condividi

Anna Ascani (Pd), viceministro dell’Istruzione, scrive un post su Facebook e invita tutte le parti coinvolte a prendere in fretta decisioni chiare ed efficaci, in particolare su organici e orari di ingresso e uscita, in previsione del rientro a scuola.

“Le competenze resteranno a disposizione, ma rimane la consapevolezza che a settembre non si può ricominciare con la Didattica a distanza” aggiunge. Poi continua, sempre in merito alle decisioni da prendere: “Anche in questo ambito autonomia e comunità locali conteranno moltissimo, ma occorre accompagnare le singole realtà perché nessun dirigente e nessun Ente Locale venga lasciato solo a gestire le difficoltà. Se le mascherine debbano o meno essere obbligatorie per gli studenti si potrà decidere, credo, più a ridosso del nuovo anno scolastico, anche alla luce dell’andamento dell’epidemia”.

Ascani scrive che, pur rispettando il dibattito sul plexiglass, non è possibile perdersi in questioni e che bisogna agire subito e con attenzione. Infine conclude: “Ho incontrato più volte in questi giorni Regioni, Comuni e Province per quanto di mia competenza e ci siamo dati un metodo di lettura dei dati che sarà utile per gli incontri “bilaterali” informali che avremo dalla prossima settimana con le singole Regioni, gli USR e le rappresentanze regionali di ANCI e UPI, per approfondire le esigenze e gestire insieme le criticità. L’autonomia scolastica avrà un ruolo importantissimo, così come i patti di comunità, ma serve un accompagnamento da parte delle Istituzioni centrali perché nessuno resti indietro”.