Condividi

Vicenda molto particolare quella che vede come protagonista uno studente del Liceo Scientifico Masci di Chieti. Al ragazzo era stata negata la possibilità di svolgere gli esami di stato perché ritenuto non idoneo. Successivamente si rivolge al Tar il quale poi lo ammette alla maturità. Ma facciamo un passo indietro.

Nel Giugno 2017 i docenti decidono di non ammettere alla maturità il ragazzo, ritenendolo impreparato ad affrontare una tale prova. Lo studente aveva 4 in Latino e Fisica e 5 in Matematica e Italiano. Una volta saputa la notizia della non ammissione, la famiglia del ragazzo si rivolge ad un legale, Michele Di Toro, il quale ha fatto ricorso al Tar impugnando il provvedimento della scuola.

tar

Vengono contestati i motivi della non ammissione, ma anche l’omissione della valutazione dell’attività di recupero che lo studente aveva superato dopo il primo quadrimestre. Il Tar quindi ha preso la decisione di ammettere il giovane all’esame di maturità con riserva. Lo studente è riuscito a superare il tanto sofferto esame, confermando quindi l’erroneità del giudizio di non ammissione preso dai professori.