Condividi

Se non ce ne fossero bisognerebbe assumerli!

Gli insegnanti – precari e non – sono in larga parte adeguatamente qualificati a svolgere la loro professione. Al più si hanno idee diverse su cosa significhi “adeguato” e quali siano le “qualificazioni” necessarie.

Ma gli insegnanti sono circa un milione: non si potrà evitare che ce ne sia un dieci per cento di pessimi e inadeguati a cui fanno da contrappeso un altro dieci per cento di eccellenti.

cattivi insegnanti

Le risorse umane, per loro natura flessibili, si valorizzano se collocate in organizzazioni efficienti. Gli insegnanti possono essere inadeguati:

(a) per carenze di preparazione o

(b) a causa di difficoltà relazionali derivate talora da precarie condizioni psichiche o da atteggiamenti sociali problematici.

Poiché è difficile pensare di giudicare ed eliminare questi insegnanti, compito dell’organizzazione è trasformarli da problemi in risorse.

La scuola è un ambiente protetto per giovani che stanno crescendo. A scuola s’insegna loro ad affrontare la vita e le relazioni senza bisogno di protezione. La tutela deve quindi diminuire al crescere dell’età.

Allora, l’insegnante “cattivo” a vario titolo svolgerà l’utile e indispensabile funzione di stimolare gli allievi a sapere gestire situazioni e persone critiche: non impareranno la matematica o il latino, ma per quelli c’è tempo. Invece dovranno operare autonomamente – sempre meno con l’aiuto di altri insegnanti – per scegliere tra l’opzione di opporsi drasticamente al cattivo insegnante oppure cercare una collaborazione, con tutte le sfumature intermedie che coprono nella realtà la gran parte del quadro delle relazioni umane.

La scuola è un dramma con copione e finale aperti: si saprà solo alla fine se sarà stata utile in che cosa e perché. E i personaggi si giudicano solo alla fine. Il cattivo insegnante insegna a gestire nella pratica i problemi e le cattive relazioni. Se non ce ne fossero bisognerebbe assumerli di proposito!


Autore articolo
Corrado Poli

Corrado Poli

Insegnante, giornalista

SEGUILO: Facebook – Blog

Storie e racconti sull’insegnamento

 

L’arte di insegnare. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi

Rivoluzione a scuola. Come rendere felici e migliori insegnanti e allievi

Elogio del ripetente

Ragazzi, non siete speciali! E altre verità che non sappiamo più dire ai nostri figli