Condividi

Ansia, caldo, e pressioni: le settimane e i giorni che precedono l’esame di maturità 2016 sono le più impegnative per uno studente della secondaria e per i loro professori che portano il carico di una grande responsabilità. Ecco alcuni consigli per gli studenti che dovranno sostenere l’esame e per gli insegnanti che potranno accompagnare al meglio i propri alunni!

 

SIMULAZIONE ESAME

 

Un buon modo per prepararsi all’esame di maturità? Quello di simularlo! La piattaforma Redooc di matematica per le Scuole Superiori oggi viene utilizzata da migliaia di Professori e studenti, in classe e a casa. Una sezione densa di esercizi di matematica per esercitarsi alla maturità permette una didattica innovativa. Gli studenti diventano così protagonisti e i Professori vengono messi nella condizione di diversificare gli strumenti e dirigere qualitativamente il processo di apprendimento fino alla tanto attesa prova d’esame di quest’anno. Scrivi a Redooc per saperne di più – scuola@redooc.com –.

 

esame di maturità 2016

 

ALIMENTAZIONE

 

L’alimentazione è molto importante per il benessere del corpo e della mente. A maggior ragione nei giorni che anticipano l’esame. Sarebbe bene evitare (o limitare al massimo) caffè e bevande energizzanti: anche se terranno svegli, faranno aumentare l’agitazione! Scegliete cibi più “leggeri” come pasta, riso, lattuga e yogurt. Sono consigliate le tisane e, come dolcificante, meglio il miele allo zucchero. Via i cibi ricchi di sodio ed è preferibile, prima di andare a dormire, un bel bicchiere di latte caldo: concilia il sonno e diminuisce l’acidità gastrica.

 

PAUSE

 

Studiare è importante, ma organizzarsi bene lo è ancora di più: un’ora di shopping, una chiacchierata con un’amico/a, guardare il vostro programma preferito in televisione saranno necessari come pause.  Anche delle passeggiate rilassanti aiutano molto. Inoltre, un bagno caldo con oli essenziali aiuterà a distendere muscoli e mente.

 

ORDINE

 

Appunti? Usateli ma teneteli sempre in ordine! Massimo due colori per evidenziare i concetti essenziali. Evitate le cancellature e gli asterischi: queste modalità (errate!) genereranno solo confusione! Ma, soprattutto, spegnete cellulare e computer…

 

NON GIOCATE A FARE L’INDOVINO

 

Anche se la tentazione è forte, evitate assolutamente di perdere tempo con il “toto tema”. Fare delle previsioni su quale autore vi verrà chiesto agli scritti o su quali domande vi farà la commissione agli orali, vi farà cadere in uno stato d’ansia supplementare dal quale sarà difficile uscire! E poi ricordate che, nel 99% dei casi, queste previsioni non si realizzano mai!

 

ORGANIZZAZIONE

 

Cercate di procurarvi tutto il materiale di cui necessitate per la stesura dell’eventuale tesina ed organizzate bene il ripasso generale molte tempo prima dell’esame e  nell’ordine in cui avete deciso di studiarli. Rispettate questa scaletta senza saltare da un argomento all’altro: vi aiuterà a non tralasciare nessun argomento.

 

NON RIFIUTATE UN AIUTO

 

Nessuno “nasce imparato”. Ma molti, per orgoglio o presunzione, non chiederanno nessun tipo di aiuto! E questo è un grave errore! Ricordate che non c’è niente di male nel chiedere aiuto o sostegno ad un compagno o un amico che ne sa molto più di voi su un argomento.

 

PARTECIPATE ALLE SESSIONI PRECEDENTI ALLA VOSTRA

 

Sfruttate al massimo l’opportunità che, eventualmente, avrete se non siete fra i primi ad essere interrogati! Chiedete ai vostri compagni se potete assistere alla loro discussione: questo vi aiuterà a farvi un’idea delle domande e della modalità di approccio con la commissione.

 

PER CONCLUDERE

 

Nei giorni degli esami, soprattutto durante l’orale, cercate di presentarvi in modo curato e siate gentili. Mai saccenti e presuntuosi o terrorizzati: salutate la commissione quando vi sedete, mostratevi sicuri di voi stessi. Scegliete un abbigliamento adeguato, non troppo sportivo. Anche se in estate, non presenta un bel biglietto da visita presentarsi in pantaloncini, canottiera e infradito!