Condividi

Chiedete a un’insegnate che relazione c’è tra i comportamenti di un bambino e quelli del genitore. Vi risponderà che sono legati più di quanto si possa immaginare.

I  bambini infatti sono delle tele bianche sulle quali i genitori dipingono gran parte dei propri lati caratteriali, delle proprie fobie e caratteristiche. L’educazione e gli atteggiamenti di un bambino infatti derivano per lo più dagli insegnamenti impartiti a casa. Da qui, ogni atteggiamento scorretto di un bambino è probabilmente determinato da quello che ha visto fare o sentito dire dal padre o dalla madre.

comportamento errato

Andiamo allora a scoprire i 10 comportamenti dei bambini causati dagli errori dei genitori.

Sospetto. Un bambino diffidente ha paura degli altri e delle situazioni nuove, questo perché probabilmente ha ricevuto rimproveri, castighi e punizioni troppo duri.

Rabbia. L’ira è un sentimento comune ai bambini. Incontrollabilità della rabbia e la conseguente manifestazione derivano da una richiesta di attenzione che sente di non ricevere. La causa può essere data da un’assenza dei genitori (o da una non sufficiente presenza), oppure da una presenza in realtà distratta.

Timidezza. Alcuni bambini sono più timidi di altri, stessa cosa vale per gli adulti. Un bambino eccessivamente timido, però, o molto indeciso, ha di solito dei genitori un po’ oppressivi e protettivi. L’autostima del piccolo non riesce a svilupparsi e si sente in difficoltà ogni volta che non ha l’assistenza dei genitori a portata di mano.

Gelosia. Un bambino geloso è un bambino che non si sente abbastanza apprezzato. Accade spesso quando i genitori lo paragonano continuamente agli altri bambini, facendolo sentire meno bravo, bello o meritevole.

Insicurezza. Se un genitore decide sempre per suo figlio, per esempio che cosa mangiare, quali scarpe o giocattoli usare o comprare, il bambino non riuscirà a sviluppare una buona capacità di scelta nella vita.

Prepotenza. Questo il più delle volte è un atteggiamento copiato in famiglia, dal padre o dalla madre. Il bambino ripropone l’aggressività vissuta a casa perché vede la violenza come una cosa normale, quotidiana, una vera e propria pratica di comunicazione.

Incapacità di difesa. Se il bambino non riesce a difendersi, la colpa può essere delle umiliazione subite, magari in pubblico, da parte dei genitori che lo hanno sgridato in modo un po’ troppo duro.

Mancanza di rispetto. Avere rispetto e farsi rispettare sono due cose che si imparano nel tempo, ma collegate tra loro. Se i genitori non rispettano gli altri o non si rispettano tra loro, il bambino copierà questi atteggiamenti. Allo stesso tempo, se i genitori non rispettano i bisogni del bambino, questo non imparerà cos’è il rispetto.

Bugie. Le bugie sono la causa di una paura del bambino. Se viene sgridato troppo spesso e in malo modo, diventano il suo unico modo per difendersi, il suo rifugio. Cercare di essere più comprensivi, invece che punitivi, è un buon sistema.

Rubare i giocattoli. Quello del bambino di rubare i giocattoli ai suoi coetanei è un comportamento molto comune. Questo accade perché il piccolo probabilmente non ha mai avuto modo di poter scegliere i suoi giocattoli preferiti.

Prendiamo queste indicazioni come linee guida e non come assolute: ogni bambino ha la propria identità e frequenta un diverso ambiente sociale. Cerchiamo di comprendere le cause, magari prendendo spunto dai 10 comportamenti del bambino causati da errori dei genitori.

2 Commenti

  1. Troppo spesso purtroppo, nella situazione odierna, sarebbe auspicabile che i figli si prodigassero a trasmettere l’educazione e buon senso di vita ai genitori e non viceversa. Purtroppo l’ignoranza è ancora troppo imperante nella massa. L’insegnamento dei veri e sani valori morali e spirituali,essenziali per lo svolgimento di una vita sana ed armoniosa, da parte di quella importante ed essenziale istituzione denominata Chiesa Cattolica Romana, alla quale è attribuito tale compito,attraverso le importanti riunioni nelle parrocchie, è stato molto probabilmente troppo errato o additittura latitante. L’attuale Papa Francesco, sta tentando con lodevole forza di volontà di porre riparo a detta manchevolezza, ma purtroppo sembra che nonostante il Suo impegno, difficilmente ci riesca. Detti valori, sono importanti ed essenziali per una sana vita comunitaria. Speriamo in bene, altrimenti l’avanzamento del disumano e materialista capitalismo,sarà inarrestabile, con tutte le note conseguenze. Prima su tutte il mantenimento della profonda ignoranza delle masse,al fine di essere sfruttate comodamente.
    Cordialmente. Fausto Feltrinelli.

  2. Consiglio ai docenti delle scuole secondarie

    Parole sagge, fondamentali per il reale risanamento della nostra nazione e della società.
    L’autorità di un insegnante non si conquista con la severità eccessiva, né con il potere arbitrario ma con la giustizia, nella reciproca condivisione. Lodate i migliori perché in questo modo anche gli altri troveranno degli stimoli. Date l’occasione a tutti di essere i migliori, almeno qualche volta.
    Non siate i compagni dei vostri studenti. Ma avvicinatevi a loro come se lo foste. Costruite voi le regole, i confini e i fili da tenere in mano in aula. Loro sono studenti, VOI SIETE I PROFESSORI!
    Non dimenticate che la vostra materia (la lingua e letteratura Italiana.) è al primo posto nel registro di classe e che con i vostri studenti passerete più tempo dei vostri colleghi. La vostra influenza sarà più importante. Siate coscienti di questa responsabilità. Come professori di lingua italiana voi siete i custodi della nostra lingua e della nostra cultura.
    Insegnate ai vostri studenti ad amare il proprio paese. Spesso si sente che i professori consigliano ai loro migliori studenti di emigrare quanto prima possibile. Il buon successo negli studi è considerato il miglior lasciapassare per andarsene dall’Italia. Proviamo a capovolgere la prospettiva! Fate vedere agli studenti migliori che proprio loro potranno aiutare il risanamento del paese perché possa diventare un buon luogo per vivere. Non permettete loro di andarsene, né di lasciare il paese nelle mani di persone non degne.
    Dite ai vostri studenti che l’impegno della loro vita è la lotta contro il fango in cui stiamo affondando. Proponete loro il significato della responsabilità civile perché si convincano che nessuno tranne loro potrà ripulire questo paese. Se vi impegnate, vedrete che vi ascolteranno – VOI SIETE I PROFESSORI!
    Siate certi che i semi di tutte le riforme economiche, politiche, culturali e morali di questo paese potranno germogliare non solo in famiglia, ma anche nella vostra aula, proprio nelle lezioni di lingua e letteratura Italiana Perciò impegnatevi ad essere un modello per i vostri studenti.
    Andate alla guerra contro tutte le attricette, gli sponsor falsi, i magnati, gli uomini d’affari e vinceteli.
    Voi dovete diventare il loro punto d’orientamento, il faro della loro vita! Per quella guerra avete ogni giorno qualche ora Non sono poche. Vincerete se tutti gli argomenti da insegnare saranno presentati in modo interessante, fresco, emozionante. Otterrete il successo solo se conoscete molte cose, se amate il vostro lavoro e se vi dedicate al vostro impegno.
    Gli studenti sono in grado di riconoscerlo in modo infallibile. Non fate caso alla poca preparazione dei vostri colleghi, al fatto che molti non fanno nulla e sono pagati lo stesso, non fate caso al marciume attorno a voi e non arrendetevi. Che la vostra lezione sia un’oasi nel deserto, il punto di luce nel buio, una intrepida bandiera che sventola al vento del risanamento .
    Voi avete una missione: se riuscite a riconquistare l’autorità della scuola e del sapere (che non si possono raggiungere con nessuna legge ma con l’entusiasmo degli insegnanti) tutte le barriere che ostacolano la vita migliore in Italia cadranno a effetto domino. Dalla lezione di lingua italiana alle riforme economiche! Dalla lezione di lingua italiana alla lotta contro la corruzione! Dalla lingua Italiana all’universo!
    Il vostro potere è immenso e il vostro compito è di portata strategica. In ciò consiste la differenza fra voi e vari manager, consulenti, coordinatori, amministratori, ricchi proprietari di aziende e altri venditori di nebbia. Nelle loro mani ci sono progetti, aziende, aerei e camion, nelle vostre è il futuro di questo paese. Non dimenticate mai – VOI SIETE I PROFESSORI”.
    Queste parole sono di un valore inestimabile anche per la nostra Italia.

LASCIA UN COMMENTO