Condividi

Fiat Chrysler Automobiles, Ferrari, CNH Industrial e altre imprese della famiglia Agnelli scendono in campo per contrastare l’emergenza da Covid -19. Offriranno infatti alla Croce Rossa 300 mezzi di trasporto e 5 ambulanze.

Ecco il comunicato: “Grazie alla rete capillare di Leasys Mobility Store in Italia i volontari della Croce Rossa, impegnati su tutto il territorio nazionale attraverso 700 comitati territoriali, potranno contare su un valido sostegno nelle azioni quotidiane di consegna della spesa e dei farmaci nelle città italiane alle persone più fragili che in questo momento hanno bisogno di assistenza”.

Gli Agnelli hanno inoltre devoluto 10 milioni di euro al Dipartimento della Protezione Civile. La Ferrari vorrebbe poi produrre ventilatori polmonari insieme alla Magneti Marelli e alla Siare Engineering, che realizza macchinari sanitari. E’ già stato effettuato un acquisto all’estero di 150 respiratori e si sta lavorando per trasformare una fabbrica del gruppo in una sede per la realizzazione di mascherine.

Mike Manley, amministratore delegato di Fca, ha dichiarato: “L’obiettivo è quello di iniziare la produzione nelle prossime settimane e arrivare a produrre oltre un milione di mascherine al mese che saranno donate ai primi soccorritori e agli operatori sanitari. È fondamentale in questo periodo continuare a fornire ricambi affinché i primi soccorritori, gli operatori sanitari e gli altri trasportatori di importanza critica possano continuare a muoversi e operare”.

Anche la società sportiva di casa Agnelli fa la sua parte: la Juventus ha infatti lanciato l’operazione #distantimauniti su Gofundme.com per raccogliere denaro e #restoascuola per aiutare lo studio da casa.