Categorie
Educazione

I Dinosauri Rendono i Bambini Intelligenti. Ecco Perché


Fin dalla prima infanzia i protagonisti delle nostre storie o dei nostri giochi sono spesso gli animali. Fra questi, ce ne sono alcuni che sono estinti da milioni di anni, ma che continuano a vivere nei cuori dei bambini: i dinosauri.

I “Giganti della Preistoria” sono infatti in grado di affascinare e appassionare soprattutto i bambini piccoli (dai 2 ai 6 anni), fino al punto da diventare quasi un’ossessione per circa un bambino su tre, che arriva a conoscerne a memoria nomi, caratteristiche, alimentazione.

Una passione così particolare, da non poter essere ignorata dalla scienza. Dagli studi svolti, è di fatto emerso un impatto positivo sullo sviluppo cognitivo dei bambini che nutrono un interesse così profondo verso qualcosa, in particolar modo verso i dinosauri.

Quando un bambino gioca con animali estinti, si relaziona a figure assenti nella sua quotidianità. Ha, dunque, bisogno di reperire informazioni attraverso una ricerca attiva e approfondita. Di conseguenza, è invogliato a leggere (o farsi leggere) di più sull’argomento, a porsi domande, stimolando la propria curiosità e immaginazione. Questi comportamenti permettono di sviluppare un’intelligenza superiore alla media.

Avere la passione per i dinosauri, dunque, ci rende più intelligenti.

Dinosauri Rendono Bambini Intelligenti

I nostalgici degli anni ’90 penseranno subito a quante volte in Friends Ross Geller cercava sempre di difendersi dalle prese in giro dei suoi amici, riguardo la sua ossessione per i dinosauri.

Eppure, quando cercava di trasmettere la sua passione ai suoi figli fin da piccoli, il paleontologo più schernito nella storia delle serie TV, non aveva tutti i torti.

Un bambino che ha un grande attaccamento verso i dinosauri, dicono gli esperti, non va dunque ostacolato, anche quando sembra possa diventare una vera e propria fissazione. Al contrario, va incoraggiato attraverso un supporto concreto.

In che modo?

Ad esempio con la visita a musei dedicati, la consultazione di libri, la visione di film o l’utilizzo di giochi interattivi.

In questo la famiglia svolge un ruolo fondamentale. Gli esperti dell’infanzia hanno infatti notato un drastico calo d’interesse quando i bambini cominciano la scuola. È facile ipotizzare come questo fenomeno sia dovuto al fatto che la scuola non lasci molto spazio ai bambini per esprimere la propria creatività e fantasia. È dunque compito dei genitori agire parallelamente per far sì che le fiamme che alimentano le passioni dei propri figli non si spengano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *