Condividi

Accade nel Bergamasco, dove una madre denuncia le offese subite dal figlio da parte di due ragazzine di 16/17 anni.

“SONO TALMENTE NERVOSA E AMAREGGIATA CHE DEVO PER FORZA DARE UN SENSO A QUELLO CHE MI È SUCCESSO OGGI!!” Così scrive Erika Defendi su Facebook, la madre del ragazzo di 15 anni affetto da diplegia dalla nascita, costretta a sottostare ad un tale comportamento irrispettoso.

disabile
in foto: Erika Defendi

La donna era uscita di casa con il figlio per delle commissioni, con l’intento di recarsi poi in una gelateria. Mentre è per strada, due ragazzine attirano l’attenzione della donna, le quali parlano di discoteche e soldi. Ad un certo punto, come riporta la madre, cominciamo a “ridere e bestemmiare”. Volgendo lo sguardo vede una delle due imitare in modo buffo la camminata del figlio mentre se la ride insieme all’amica.

Di fronte a questo atteggiamento di bullismo, la madre non è rimasta ferma a guardare. Con un atto di grande umanità sono state le parole del figlio a frenare la donna:“ MAMMA LE PERSONE COSÌ IGNORANTI VANNO IGNORATE…IO FACCIO COSÌ”.
Orgogliosa del figlio, la donna lancia un ultimo appello, chiedendo ai genitori di insegnare ai figli di guardare i disabili con occhi di ammirazione e non di girare il capo quando se ne incontra uno; perché, come termina nella sua testimonianza, “LA DISABILITÀ STA NEGLI OCCHI DI CHI GUARDA”.