La A non si Scrive in questo Modo: Esercizio di Pregrafismo divide il Web

Un semplicissimo esercizio di pregrafismo diventa dibattito nazionale. Migliaia di insegnanti sono in disaccordo sulla modalità di scrittura della lettera A maiuscola.

 

Il pregrafismo è sicuramente un momento importante per quella che sarà la corretta scrittura da parte di uno studente. Infatti gli esercizi agevolano notevolmente i movimenti della mano e determinano la corretta impugnatura della penna. Solitamente si svolgono durante la Scuola d’Infanzia ma alcune insegnanti della Primaria li eseguono all’inizio della classe prima. L’importante è che non siano attività ripetitive e pesanti, al fine di non risultare noiose e, di conseguenza, inutili.

 

Ma quello che ha creato notevole scompiglio è stato l’esercizio di pregrafismo della lettera A svolto da un bambino.

 

Come scritto nel libro utilizzato in classe, il bambino ha scritto la lettera A maiuscola partendo dall’alto tracciando le due stanghette ed unendole a metà con la riga orizzontale. Sentenziale è stata la risposta dalla maestra al momento della correzione dell’esercizio: ERRATO!

 

Il bambino aveva scritto la lettera A in questo modo:

 

primo modo A

 

Mentre la maestra ha fatto ripetere l’esercizio, suggerendo di scrivere la lettera A in questo modo, partendo dal basso:

 

secondo modo A

 

Risultato? Il bambino si è visto correggere tutto l’esercizio e questo ha scatenato un grandissimo dibattito in sua difesa.

 

Il dubbio rimane quando, analizzando attentamente decine di testi dell’infanzia e della primaria, una vera risposta non si riesce a darla: alcuni testi dicono di scriverla come il metodo uno, altri come il metodo due. Significa forse che la lettera A è possibile scriverla in entrambi in modi? Se sì, come mai, allora, il bambino si è visto correggere l’esercizio?

 

Il dubbio rimane. Sicuramente per il bambino. E forse anche per noi.

Recentemente lo stesso è accaduto con un altro esercizio di matematica in cui la maestra aveva corretto lo svolgimento dell’operazione 5×3, da 5+5+5 a 3+3+3+3+3. Il caso aveva coinvolto insegnanti e matematici di tutto il mondo.

 

esercizio di pregrafismo

 

Diventa un autore di MenteDidattica e pubblica i tuoi articoli!

Gli insegnanti che inviano la propria richiesta, una volta accettati, potranno pubblicare articoli su tematiche scolastiche preferite.

8 commenti su “La A non si Scrive in questo Modo: Esercizio di Pregrafismo divide il Web”

  1. Non penso che una lettera perda valore o venga scambiata con un’altra giudicando il modo in cui essa viene scritta, o no?
    Una A resta sempre una A, e così via…
    Perchè attaccarsi a queste inezie?

    Rispondi
  2. Non bisogna disorientare i bambini in età fragilissima, i cambiamenti avvengono nel tempo con scoperte guidate con esperimenti, ognuno esprime la propria personalità anche attraverso la scrittura l’ importante è non perdere di vista il risultato e che ognuno riesca con le proprie capacità a raggiungere la meta .

    Rispondi
  3. Ma era davvero necessario correggere il bambino? L’importante è il risultato non come l’ha ottenuto. Mi sembra davvero una sterile polemica scatenata da una docente molto, troppo pignola…
    Avrebbe avuto ragione lei solo se avesse presentato al bambino i tre movimenti staccati (metodo FOL) e poi uniti… Ma sembra che non l’abbia fatto. Io boccio l’insegnante, manca di creatività…

    Rispondi
  4. Un bambino mancino magari fará la terza linea “al contrario”, cioé da destra verso sinistra. Non é un fatto di personalitá, semplicemente puó essergli piú comodo. Io sono mancina e la A la faccio cosí. Scateneró un’altra polemica nazionale?

    Rispondi
  5. Credo che per la lettera un metodo valga l’altro mentre
    riguardo al 5×3 credo sia senz’altro 5+5+5 e cioè il 5 ripetuto per 3 volte, 3+3+3+3+3 = 3×5 e cioè 3 ripetuto 5 volte.

    Rispondi

Lascia un commento