Condividi

Dopo il vertice di maggioranza di ieri potrebbe esserci una novità che, se verrà confermata, inciderà sullo stipendio del personale scolastico.

flat tax

Dagli effetti del rinnovo del contratto 2016/18 il bonus di 80 euro è stato salvato. Alcuni dipendenti lo hanno ricevuto per la prima volta. Ciò è dovuto agli effetti dell’articolo 18 della legge di bilancio che ha alzato dal 1 gennaio 2016 le soglie del reddito previste per ricevere il bonus. Soprattutto la soglia di 24.000 euro è passata a 24.600, mentre quella di 26.000 è arrivata a 26.600.

Queste cifre riguardano molti dipendenti scolastici, che hanno potuto avvalersi del bonus fin da quando è stato introdotto nel 2014. Il vertice di maggioranza di ieri sembra però sancire la sentenza definitiva. Il Corriere riporta: “Per il ministro dell’Economia, Giovanni Tria,il «bonus Renzi» è troppo complicato. Non è uno sgravio (e non riduce la pressione fiscale complessiva, cosa che faceva dannare Padoan), e crea problemi al momento dei conguagli, con troppa gente costretta a restituirlo in tutto o in parte per aver superato il tetto di reddito. Meglio utilizzare i 9 miliardi per una prima riduzione delle aliquote o un accorpamento degli scaglioni Irpef. Il primo modulo della flat tax per i cittadini, appunto.”

I soldi del bonus quindi verrebbero utilizzati per finanziare la flax tax, che però potrebbe essere non molto conveniente per i dipendenti della scuola. Secondo il deputato di Liberi e Uguali Roberto Speranza investire denaro nella flax tax toglierà soldi all’istruzione e alla sanità.