Categorie
Attualità

Gioca con il Padre e Parte un Colpo di Pistola: Ucciso Bimbo di 4 Anni

Un bimbo di soli 4 anni è morto, mentre giocava a casa con il papà. L’incidente è avvenuto domenica scorsa, 19 gennaio, a Bloomington, negli Stati Uniti. Però, le informazioni sono state diffuse solo nelle ultime ore.

Secondo le prime ricostruzioni, Tripp Shaw – è questo il nome della piccola vittima – stava giocando a wrestling con il padre, il 36enne Tyler Shaw, sul lettone. All’improvviso, è partito accidentalmente un proiettile di pistola, che ha colpito il bimbo in modo fatale. Il piccolo, infatti, ha riportato delle lesioni piuttosto gravi alla testa. Tripp è stato trasportato immediatamente al Riley Children’s Hospital, ma a causa delle sue condizioni critiche è deceduto 4 giorni più tardi. Il proiettile ha colpito alla testa anche il padre della vittima, ma in modo lieve. All’interno dell’abitazione, vi erano anche la moglie Natalie e gli altri due figli della coppia.

tripp shaw

Le esatte dinamiche dell’incidente sono ancora da ricostruire. Tuttavia, il quotidiano Herald Times ha rivelato che il proiettile è esploso quando l’arma dell’uomo, una pistola semiautomatica Glock, gli è scivolata dalla parte posteriore dei pantaloni. Non è chiaro nemmeno se il 36enne avesse la licenza adeguata per la detenzione dell’arma.

Per ora, le indagini stanno proseguendo e non è stata ancora definita un’accusa. Tuttavia, nello stato dell’Indiana, una persona può essere accusata formalmente del reato di incoscienza criminale se “incautamente, consapevolmente o intenzionalmente compie un atto che crea un sostanziale rischio di provocare lesioni fisiche a un’altra persona“.

Nel frattempo, è stata aperta una campagna su GoFoundMe con lo scopo di raccogliere soldi per aiutare la mamma e il padre di Tripp a coprire i costi di tutte le spese sanitarie. A oggi, sono stati raccolti più di 19.100 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *