Condividi

Dopo l’annuncio di Emma Marrone con cui la cantante si è detta costretta a fermarsi per motivi di salute, molti fan hanno scritto messaggi di incoraggiamento alla loro beniamina.

Tra i tanti pensieri affettuosi, purtroppo ce ne sono stati anche alcuni di pessimo gusto, come chi ha scritto: “Ops, vuol dire che è tornato? Non c’è due senza tre. Tutto meritato, camionista. E chissà questa volta come finirà. Addio”.

In difesa della sua collega e amica è intervenuta Laura Pausini, che ha risposto: “Ma chi è ‘sta deficiente che scrive una roba del genere? Segnalatela, io l’ho fatto”. Il regista Gabriele Muccino, da parte sua, ha postato un articolo sul web in cui attacca gli haters di Emma, scrivendo: “Insultate me, uomini col cuore pieno di vermi”.

Emma Marrone

La cantante salentina ha spiegato su Instagram di doversi prendere una pausa e si è detta dispiaciuta di non poter proseguire con i suoi impegni lavorativi: “Succede. Succede e basta. Questo non era proprio il momento giusto, ma in certi casi nessun momento lo sarebbe stato. Da lunedì mi devo fermare per affrontare un problema di salute. Ve lo dico personalmente per rassicurarvi e per non creare allarmismi inutili. Per questo motivo non sarò presente a Malta per il concerto di Radio Italia che ringrazio per l’immediata comprensione. Inutile dirvi l’immenso dispiacere che provo per tutti quei ragazzi che hanno speso dei soldi in voli aerei e alberghi per venire fino a Malta per sostenermi: Non avete idea di quanto mi sarebbe piaciuto essere su quel palco e cantare per tutti voi. Vi prometto che tornerò più forte di prima! Ci sono troppe cose belle da vivere insieme. Adesso chiudo i conti una volta per tutte con questa storia e poi torno da voi. Grazie e state sereni davvero…Andrà tutto bene!”.

Anche Matteo Renzi, tramite Twiter, ha espresso la propria solidarietà ad Emma: “Gli haters che stanno attaccando Emma Marrone si devono soltanto vergognare. Emma è una grande artista. E per la sua battaglia personale merita solo affetto e sostegno, non la cattiveria di chi odia“.