Condividi

Quando si parla di politica bisogna sempre andarci particolarmente cauti. Questo perché, come è giusto che sia, non tutti la pensano in egual maniera su un determinato argomento. E meno male! Almeno è possibile avere un confronto pacifico tra opinioni contrapposte.

Grillo

È successo però un fatto che ha fatto storcere il naso a molte persone e la causa è la stessa che ha indispettito in passato. Beppe Grillo è tornato all’assalto. Qualche tempo fa “derise” i bambini affetti d’autismo, adesso non si è risparmiato con i cittadini dell’Abruzzo.

Il 10 febbraio si sono svolte le elezioni regionali in Abruzzo. A trionfare è il centrodestra, con il 48% dei voti. Il centrosinistra ottiene il 31.3% delle preferenze mentre la candidata pentastellata ottiene il 20.2%.

Questo risultato ha generato critiche sul web particolarmente aspre nei confronti del popolo Abruzzese.  I simpatizzanti del Movimento 5 Stelle infatti ritengono che i cittadini abruzzesi non siano stati “riconoscenti” al Movimento.

E così, durante lo spettacolo con protagonista Grillo, il comico genovese ha dichiarato: «Io accetto tutto, accetto che il popolo abruzzese abbia deciso e ha fatto benissimo. Chiedo solo una cosa ufficialmente, che ci diano indietro i 700 mila di euro che gli abbiamo dato l’anno scorso, quattro ambulanze e gli spazzaneve a turbina».

Ha dunque proseguito: «Hanno fatto la loro scelta e dovrebbero dire che le cose che gli abbiamo dato noi ‘ve le ridiamo indietro’, è giusto o no?». Insomma, il risultato ottenuto in Abruzzo non è stato proprio dei più rosei per il Movimento 5 Stelle che non l’hanno presa proprio bene. Al riguardo, il Garante del M5S ha ironizzato: «Quello che sto prendendo adesso è il malox con la vaselina».

Mentre non è mancato il commento del leader della Lega Matteo Salvini, il quale ha commentato “che un pezzo del voto di sinistra è arrivato a noi: operai, insegnanti, lavoratori”