Condividi

Sembra che ormai una delle più grandi piaghe della nostra società sia il bullismo a scuola. E per debellarla fortunatamente anche molti volti noti tentano di supportare gli studenti che ne sono vittime, che sono spesso sostenuti anche da organizzazioni e associazioni anonime.

Si è capito infatti che ciò che conta è che si parli del bullismo in modo pubblico, che non venga nascosto e che i bambini non si sentano soli in questa lotta.

Nel Minessota, Stati Uniti, un adolescente, Zane Omlid, viene non solo preso in giro ed insultato di continuo da alcuni dei suoi compagni di scuola, ma questi lo aggrediscono anche fisicamente. E nonostante i suoi genitori abbiano già più volte denunciato la cosa, la sua vita continua a non essere facile.

Èin questa situazione che il club di motociclisti degli Hell’s Angels ha deciso di andare in suo soccorso. Così a maggio i Syd’s Angels Bikers Against Bullies sono andati a fargli una sorpresa a casa. Nel video registrato quel giorno vediamo Greg Carson, il leader del gruppo, gridare il suo nome, finché il ragazzo non è uscito fuori, e tutto il vicinato senza parole.

Si tratta appunto di un gruppo di motociclisti formatosi nel 2016 a seguito di una scoperta: una ragazzina di nome Sydney, di 15 anni, era stata attirata nei boschi dai suoi “amici” ed aggredita e la scena era stata poi postata sui social. Così i biker hanno deciso di aiutare i ragazzi vittima di bullismo, come in questo caso Zane, che al vederli sotto casa è stato davvero felice ed amozionato, come anche la sua mamma.