Condividi

Il dibattito è antico e riguarda soprattutto i bambini della Scuola primaria: grembiule o non grembiule?

 

In Italia non c’è nessun obbligo, né in un senso né nell’altro. La legge lascia libertà agli istituti di dare disposizioni in merito, anche se l’uso del grembiule è consigliato fino alla scuola primaria.

 

grembiule

 

Ma c’è chi dice no, come quei genitori che reclamano l’indipendenza, anche modaiola, dei propri figli e la loro possibilità di esprimere la propria personalità. Il grembiule, in quest’ottica, è visto come un fattore omogeneizzante, che appiattisce i ragazzi imponendo loro un’unica scelta.

 

Personalmente, non sono d’accordo. Per quanto sia io il primo scudiero delle libertà individuali e dell’autonomia di decisione, anche per i più piccoli, in questo caso devo dire che il grembiule batte ogni mia remora. Sono stato anch’io bambino, non molto tempo fa, e ricordo che odiavo particolarmente quella divisa, ma col senno di poi posso dire che mi sbagliavo. Ho l’impressione che i genitori che sbandierano la libertà di espressione della personalità dei figli vogliano in realtà esprimere la propria, di personalità. Un bambino di sei, sette o otto anni viene ancora vestito dalla mamma o dall’eredità dei fratelli maggiori (si usa ancora o sono stato tra gli ultimi fortunati a goderne?), dunque mi pare difficile farne un discorso di individualità soffocata.

 

Non ne faccio un discorso di senso di appartenenza alla scuola, come accade molto di più in America o in Inghilterra, perchè il grembiule non è un’uniforme vera e propria e si assomiglia in tutta Italia, ma interpreto diversamente il già citato argomento dell’omologazione. Di solito accentrare, rendere unico, conformare, sono tutte cose che mi risultano antipatiche, ma in questo caso, quando si tratta di bambini, ridurre le differenze sociali e abbassare la possibilità di discriminazioni, almeno sul vestiario, mi pare valga la candela. Con buona pace dei genitori stilisti.

 


Autore articolo
Lorenzo Giarelli

Lorenzo Giarelli

Giornalista blogger

SEGUILO:

BlogFacebook