Condividi

Nel corso degli anni il modo che ha l’uomo di relazionarsi con l’ambiente è di gran lunga cambiato. Se una volta era ritenuto normale buttare la propria sigaretta in strada o al mare, oggi è visto come un gesto maleducato e da evitare. Ovviamente l’umanità è molto più informata rispetto al passato, sono dunque a conoscenza delle conseguenze di questi loro gesti.

La scuola, in questa circostanza, sta giocando un ruolo chiave. L’educazione ambientale è affrontata in casa: i genitori infatti insegnano ai figli l’importanza di preservare l’ambiente. La scuola prosegue su questa strada, insegnando già dalla primaria quali siano le conseguenze dell’inquinamento e spiegando l’impatto ambientale che si scatena da un gesto piccolo come buttare una bottiglia per strada.

La scuola in questo senso ha un ruolo importantissimo, perché contribuisce a formare una società che in futuro avrà realmente a cuore l’ambiente. Sta formando persone rispettose e responsabili che sono in grado di dare il giusto peso a delle azioni superficiali come il buttare in mare una cartaccia.

Ruolo Fondamentale della Scuola

Ultimamente poi si è parlato molto della situazione climatica, strettamente connessa all’inquinamento. È solo una moda del momento? Non ha importanza: la situazione climatica è importante quindi è necessario parlarne, anche se fosse solo l’ultimo trend del momento. Se le persone iniziano a riciclare solo per moda, ben venga. È comunque un gesto che fa veramente bene al nostro pianeta.

Una maggiore sensibilizzazione sui media, nuove attività didattiche incentrate sul riciclo e sul rispetto per l’ambiente, una maggiore sensibilità personale: questi sono gli strumenti che stanno, giorno dopo giorno, contribuendo a rendere il nostro mondo un posto migliore. Proseguendo in questo senso, probabilmente, ci sarà maggior rispetto per il nostro pianeta che, si spera, diverrà finalmente libero da tutte quelle problematiche ambientali che lo stanno affliggendo.