Condividi

La dirigente scolastica dell’istituto Cerboni di Portoferraio, sull’ Isola d’Elba, contrasta la piaga del bullismo usando “lavori socialmente utili“. Gli alunni violenti infatti vengono mandati in centri specializzati ad assistere anziani e malati di Alzheimer. I ragazzi si rendono utili aiutando i pazienti nelle loro azioni quotidiane, dalla colazione alla pulizia, e ne traggono beneficio essi stessi, sia nella mente che nel cuore.

Il metodo si è rivelato non solo efficace ma anche importante nello stabilire un punto di contatto tra le generazioni. E i risultati non mancano: secondo i sostenitori dell’iniziativa “dopo l’esperienza cessano le note“.