Condividi

La passione per il proprio lavoro che l’ha accompagnata serenamente nell’ultimo viaggio

Lettera di Addio di una Professoressa

Ci sono esempi di eroi comuni che compiono dei gesti da supereroi. Nella sua semplicità una lettera di una professoressa, che stava morendo di tumore, diretta alle migliaia di alunni che ha incontrato nella sua carriera.

Un pensiero delicato che l’ha accompagna serenamente. Ora la lettera è diventata virale ed avrà raggiunto tutti i suoi alunni. Un inno alla vita, alla passione del proprio lavoro e alla delicatezza di certi gesti che insegnano i veri valori della vita.

La commozione delle parole

La lettera è stata scritta pochi giorni prima della morte della professoressa, Sue East di 59 anni, dove ringraziava i suoi alunni per i tanti momenti di gioia e di pena nella sua lunga carriera. Le parole scritte sono state tanto commoventi che la lettera è diventata virale.

La professoressa ha ringraziato i suoi colleghi, alle amicizie che ha stretto e ai ragazzi che ha seguito, come poteva, in momenti delicati della crescita dei suoi alunni. Vederli diventare grandi e credere nei loro sogni è stata una missione di vita che l’ha accompagnata anche in questi momenti drammatici, pochi giorni prima di morire.

Non ci sono rimpianti e, il modo in cui ha scritto quelle parole, sono la prova di come sia stata felice di avere un ruolo importante nella vita di migliaia di persone che ha incontrato nella sua lunga carriera.

La commemorazione

Una volta che la lettera è giunta alla scuola dove essa prestava servizio, la direttrice dell’istituto, ha deciso di pubblicarla a spese della scuola in un giornale locale.  La sua morte è stata ricordata con dolcezza in una commemorazione che si è tenuta nell’istituto.

Nel discorso di addio, i suoi colleghi, hanno deciso di salutarla e di non dimenticare che il suo insegnamento più importante e quello di affrontare ogni situazione, anche se sembra difficile, con un sorriso. Tutto diventa un ricordo ed è meglio ricordarsi solo i momenti belli che si sono trascorsi, proprio come ha fatto la professoressa in un letto di ospedale.