Categorie
Attualità

La Nuova Challenge degli Adolescenti, Saltare sulle Auto in Corsa per le Visualizzazioni su Tik-Tok


Il giovane stava partecipando ad una nuova “challenge” su Tik-Tok per ottenere visualizzazioni, è stato girato in via Reggia di Portici.

Nuova Challenge degli Adolescenti

Un nuovo video ha scatenato l’indignazione da parte dei cittadini napoletani e non solo. Nella ripresa si nota un ragazzino in piedi su un marciapiede, il ragazzo protagonista che indossa una maglietta rossa “sceglie” una Fiat Punto Grigia, prende la rincorsa e salta letteralmente sul cofano dell’auto in corsa sedendosi. Il gesto fa scattare l’ilarità dei presenti che ridono seguendo la scena, il “viaggio” dura circa 20 metri quando il guidatore probabilmente spaventato rallenta e accosta per fare scendere il ragazzino.

Questo filmato è stato girato in via Reggia dei Portici a Napoli, il ragazzo ha commesso la bravata per poi postare il video sulla piattaforma social Tik-Tok guadagnando numerose visualizzazioni. Sembrerebbe essere il primo gesto simili compiuto in zona, ma non è raro che “challenge” di questo tipo vengano emulate da alcuni coetanei.

“Siamo davvero molto preoccupati per questa ondata di follia che sta colpendo l’intero globo, i social in questo senso diventano uno strumento potente e pericoloso permettendo che certi fenomeni possano estendersi in maniera tanto veloce e così ampiamente. Ecco perché occorre dare vita ad una sorta di rieducazione da social, i giovani, e purtroppo non solo loro, devono comprendere bene il corretto utilizzo della rete e dei suoi strumenti. A questa rieducazione social va abbinato un lavoro, svolto con la collaborazione di genitori, insegnati, assistenti sociali ed istituzioni, affinché i giovani possano comprendere il rispetto delle regole ed il senso civico. Le imprese folli postate sui social vano denunciate perché altrimenti il fenomeno emulativo non cesserà mai. Anche in questo caso abbiamo inviato il filmato in questione alle forze dell’ordine”. Ha dichiarato il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *