Categorie
Attualità

La Scuola Non È Crollata Solo Grazie agli Insegnanti

La ricorderemo come Generazione Covid, quella degli studenti che hanno perso qualcosa di irrecuperabile, cioè la Scuola nel suo opportuno luogo. Tutta questa mancanza di socialità scolastica avrà generato carenza di crescita umana nei nostri studenti? Lo psichiatra Massimo Recalcati invita genitori e adulti a maggior consapevolezza e minor vittimismo.

Scuola Non È Crollata

La Scuola – scrive Recalcati – ha continuato ad essere aperta nonostante sia stata di fatto chiusa. Questa apertura coincide in primo luogo con la cosiddetta didattica a distanza. A rigore, com’è ben noto a tutti gli insegnanti, si tratta di una contraddizione in termini perché la didattica implica come tale la relazione, la presenza dei corpi, lo stare insieme in una comunità vivente senza l’asettica mediazione assicurata dalla tecnologia. Si potrebbe certamente indugiare, lato docenti e lato allievi, sugli innumerevoli limiti di questa didattica.

La didattica a distanza non è l’ideale, ma il processo formativo segue sempre una traiettoria ideale? “Ogni formazione – ci ricorda Recalcati – è fatta di buoni e di cattivi incontri, di buona e di cattiva sorte. I genitori contemporanei (ben prima del Covid) vorrebbero invece escludere per i loro figli l’esperienza dell’ostacolo e dell’impatto aspro con il reale, la sofferenza e la frustrazione. Per questo essi oggi possono apprensivamente gridare al trauma, preoccuparsi di tutto il tempo irreversibilmente perduto dai loro figli, maledire le rinunce alle quali essi sono stati ingiustamente sottoposti. Ma in questo modo correranno l’inevitabile rischio di vittimizzare i loro figli e una intera generazione.

E dunque un monito agli studentiIl lamento non ha mai fatto crescere nessuno, anzi tendenzialmente promuove solo un arresto dello sviluppo in una posizione infantilmente recriminatoria

LEGGI ANCHE: Azzolina: “Sono Molto Preoccupata, La Dad Non Funziona Più”

Il ruolo degli insegnantiA contrastare il rischio della vittimizzazione è il gesto etico ed educativo di quegli insegnanti che spendono se stessi facendo salti mortali per fare esistere una didattica a distanza.” conclude Recalcati.