Condividi

Daniele Silvestri con il suo nuovo brano cantato sul palco di Sanremo dal titolo “Argento Vivo“, ha voluto raccontare in musica la situazione difficile, il disagio, che da genitore si è reso conto vivono anche i suoi figli adolescenti.

argento vivoIl brano è tutto incentrato sulla sensazione di essere in prigione sia nell’ambiente familiare che in quello scolastico. L’Huffington Post lo ha definito “uno dei testi più crudi e difficili in gara“.

Ha sedici anni il protagonista della canzone (scritta anche dal rapper Rancore) e da più di dieci vive “ingabbiato tra le quattro mura di una scuola (Costretto a rimanere seduto per ore/ Immobile e muto per ore/ Io, che ero argento vivo) e quelle della famiglia”.

Silvestri, ponendosi la domanda se fosse giusto moralmente fare di questo disagio motivo di lucro, all’Huffington Post ha dichiarato: “È stato difficile volerla fare ascoltare e farlo su quel palco, a quel festival. Io, i figli, ce li ho veramente e mi sono chiesto se stessi rubando qualcosa a loro per commercializzarlo“.