Categorie
Attualità

Parla L’Avvocato di Ousseynou Sy, L’Autista che ha Dirottato un Autobus Pieno di Studenti: “Non Voleva Far Male a Nessuno”



L’avvocato Davide Lacchini difende il suo assistito Ousseynou Sy, l’uomo che ieri mattina ha dirottato e incendiato un autobus con a bordo 51 studenti di una scuola media di Crema a San Donato Milanese: “Non voleva far male a nessuno“, il suo voleva essere soltanto “un gesto eclatante“.

Avvocato di Ousseynou Sy

Nel pomeriggio di ieri gli inquirenti hanno sentito le parti in causa per fare chiarezza sulla vicenda. Da quanto è emerso, i ragazzini e i tre adulti che erano con loro sono stati legati e minacciati dall’uomo: “Di qui non esce vivo nessuno“, “Dovete soffrire come le mie figlie morte in mare“.

L’arrivo dei carabinieri, avvertiti da alcuni studenti che erano riusciti a nascondere il cellulare, ha scongiurato il peggio. I militari hanno fermato il bus e fatto scendere i ragazzini, mentre Sy dava alle fiamme il mezzo dopo averlo cosparso di benzina. Non sembra quindi che il suo volesse essere solo un atto dimostrativo.


L’uomo, per sua stessa ammissione, aveva programmato tutto e aveva anche girato un video in cui spiegava di voler agire per vendicare i migranti morti in mare. Nonostante tutto, l’uomo avrebbe detto che se i carabinieri non fossero intervenuti “nessuno si sarebbe fatto male“. Sy voleva arrivare all’aeroporto di Linate e prendere un aereo per scappare.

Il suo avvocato ha dichiarato: “Non voleva far male a nessuno, il suo è stato un gesto sconsiderato che è sfuggito di mano, voleva fare un gesto eclatante per richiamare l’attenzione su quello che sta succedendo sulle politiche migratorie“. Il suo gesto sarebbe stato scatenato dal fatto che il nostro governo avesse recentemente vietato ad un’imbarcazione di una Ong italiana che trasportava migranti soccorsi vicino alla Libia di attraccare a Lampedusa.

Il legale ha commentato: “Sente il problema sulla sua pelle, per lui sono fratelli“. Da ciò deriverebbe la frase detta da Sy sul bus a proposito dei morti in mare. Secondo Lacchini, inoltre, il senegalese non ha mai avuto problemi psichiatrici e i suoi precedenti penali – guida in stato di ebbrezza e violenza sessuale – sono di “minimo conto”.

Lascia un commento